Coronavirus: quello che la paura ci ha ricordato e quello che dobbiamo recuperare - Quo Vadis aps

Associazione di aiuto alle vittime di sette e movimenti religiosi
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Vai ai contenuti

Coronavirus: quello che la paura ci ha ricordato e quello che dobbiamo recuperare

Archivio
Se desideri tradurre la pagina nella tua lingua, clicca qui e seleziona la lingua.
If you want to translate the page in to your language, click here and select the language.
Wenn Sie die Seite in Ihre Sprache übersetzen möchten, klicken Sie hier und wählen Sie die Sprache aus
Si desea traducir la página a su idioma, haga clic aquí y seleccione el idioma.
21 marzo 2020

Ormai la nostra vita è cambiata completamente: tutte le nostre certezze e abitudini giornaliere si stanno modificando velocemente a causa del Coronavirus. Certo, non sappiamo dove arriveremo con le precauzioni
e le limitazioni, ma qualcosa di positivo forse dovremmo coglierla.

Da ogni difficoltà si possono trarre importanti spunti di riflessione.
Per prima cosa vanno ringraziati tutti i medici e tutto il personale ospedaliero.
Oltre al massimo rispetto per le persone decedute dopo aver contratto il coronavirus.
Fatta questa doverosa premessa, forse una lezione da questa pandemia dovremmo impararla.
Il nostro correre veloce quotidiano dando tutto per scontato, oggi pian piano rallenta e ci riporta indietro nel tempo e ai nostri valori primordiali dimenticati.

Si perché forse ci siamo dimenticati del valore e della bellezza della nostra vita.

Ci siamo dimenticati quanto sia importante la socializzazione e la solidarietà.
Ci stiamo accorgendo di quanto tempo ed energie abbiamo perso rincorrendo stupide, finte problematiche e litigando.
Ci stiamo accorgendo di quante inutili discussioni abbiamo fatto anche in politica e nella vita relazionale.
Ci stiamo accorgendo di quanto sia importante un’informazione corretta e consapevole.
Ci stiamo accorgendo di quanto siano importanti le competenze e la professionalità.
Ci stiamo accorgendo di quanto sia importante avere una sanità pubblica.
Ci stiamo rendendo conto che la vita è fatta di altre cose più importanti.

Ma più di tutto ci stiamo accorgendo di quanto siamo fragili e vulnerabili. Molte volte è proprio questo basilare concetto che ci sfugge e ci fa rincorrere chissà quali effimeri risultati.
Ed è per questo basilare motivo, che dobbiamo ripartire con più forza e consapevolezza: abbiamo corso e inquinato in nome del consumismo sfrenato ed egoistico.
Ma poi basta il più classico elemento della vita, ossia la paura della morte, che ci fa riflettere.

Per tale ragione dobbiamo evitare di far finta di nulla.
Bisogna ritrovare lo spirito di comunità perduto e fare squadra per l’interesse nostro e dell’Italia.
Abbiamo subito visto cosa è accaduto nelle relazioni con gli altri Stati.
Sarebbe utile a tutti riscoprire insieme tutti questi valori, dobbiamo farci forza per poi ripartire con una giusta e nuova illuminazione.
Siamo l’Italia e siamo umani!
Vinceremo come sempre e saremo più consapevoli.

Articolo di Andrea Viola

CONDIVIDILO SULLA TUA PAGINA E CON I TUOI AMICI
AIUTERAI TANTA GENTE
GRAZIE!

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a quovadis.aps@gmail.com

NON TI DIMENTICARE DI DARCI UNA MANO
SOSTIENI QUO VADIS a.p.s.  
CON UNA DONAZIONE !
SARAI ANCHE TU PROTAGONISTA
NELL' AIUTARE TANTA GENTE
GRAZIE!


SOSTIENI QUOVADIS