Coronavirus: a Mulhouse, una chiesa evangelica identificata - Quo Vadis aps

Associazione di aiuto alle vittime di sette e movimenti religiosi
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Vai ai contenuti

Coronavirus: a Mulhouse, una chiesa evangelica identificata

Archivio
Se desideri tradurre la pagina nella tua lingua, clicca qui e seleziona la lingua.
If you want to translate the page in to your language, click here and select the language.
Wenn Sie die Seite in Ihre Sprache übersetzen möchten, klicken Sie hier und wählen Sie die Sprache aus
Si desea traducir la página a su idioma, haga clic aquí y seleccione el idioma.
12 marzo 2020
  
Coronavirus: a Mulhouse,  
una chiesa evangelica identificata  
come un importante centro di contaminazione
  

Più di 2.000 persone, tra cui circa 300 bambini, provenienti da tutta la Francia e dai paesi limitrofi si sono radunate lì a febbraio come parte di una settimana di digiuno e preghiera.

Manifesto all'ingresso della Chiesa evangelica La porta cristiana aperta a Mulhouse (Alto Reno), il 4 marzo.

“Fino al 18 marzo incluso, vivi solo il culto. »
Consegnato nella home page del sito web della Chiesa evangelica The Christian Open Door, luogo di culto nel famoso quartiere di Bourtzwiller, a Mulhouse (Alto Reno), il messaggio chiede ai fedeli di farsi strada per connettersi allo Spirito Santo da casa loro, attraverso lo schermo di un computer.

Questa chiesa pentecostale - un ramo del protestantesimo - è stata identificata all'inizio di marzo come un importante centro di contaminazione da parte del coronavirus.
Si è diffuso dal Cotentin (Manche) alla Corsica, attraverso la Guyana, dal momento che oltre 2.000 persone (tra cui circa 300 bambini) provenivano da tutta la Francia, compresi oltremare, e dai paesi vicini come La Svizzera, il Belgio e la Germania si sono riuniti lì dal 17 al 24 febbraio, nell'ambito della Settimana del digiuno e della preghiera.

È durante questo tradizionale raduno annuale, che The Christian Open Door organizza da 25 anni durante la Quaresima, che dozzine di fedeli sono stati infettati da SARS-CoV-2, esportandolo al loro ritorno in territori finora risparmiati.

In occasione dell'evento, alla fine della settimana ci sono stati almeno venticinque casi in Borgogna-Franca Contea, cinque in Guyana, cinque in Corsica, tre nelle Hautes-Alpes, tre nella Manica, due nella Nuova Aquitania, uno a Parigi e uno nella regione Centro-Val de Loire.
Un elenco probabilmente lungi dall'essere esaustivo, perché la partecipazione all'incontro non implicava alcuna registrazione preventiva, il che complica l'identificazione di altri potenziali pazienti ...

Il pastore e gran parte della sua famiglia sono stati contaminati

continua a leggere tutto l'articolo su:
https://www.lemonde.fr/planete/article/2020/03/07/coronavirus-a-mulhouse-l-eglise-evangelique-la-porte-ouverte-identifiee-comme-un-foyer-important-de-contamination_6032215_3244.html

CONDIVIDILO SULLA TUA PAGINA E CON I TUOI AMICI
AIUTERAI TANTA GENTE
GRAZIE!

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a quovadis.aps@gmail.com

NON TI DIMENTICARE DI DARCI UNA MANO
SOSTIENI QUO VADIS a.p.s.  
CON UNA DONAZIONE !
SARAI ANCHE TU PROTAGONISTA
NELL' AIUTARE TANTA GENTE
GRAZIE!
SOSTIENI QUOVADIS
Torna ai contenuti