COMUNICAZIONE DEL 3 APRILE 2020 A TUTTI GLI ANZIANI - Quo Vadis aps

Associazione di aiuto alle vittime di sette e movimenti religiosi
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Vai ai contenuti

COMUNICAZIONE DEL 3 APRILE 2020 A TUTTI GLI ANZIANI

Archivio
  
27 aprile 2020
Comunicazione a tutti gli anziani del 3 aprile 2020


I capi dei tdg chiedono a tutti i corpi degli anziani delle congregazioni, tramite i sorveglianti viaggianti, un rapporto dettagliato settimanale in cui si chiedono i seguenti dati:
  • Quanti proclamatori messi in quarantena da AUSL in quanto positivi al coronavirus o entrati in contatto con altri soggetti contagiati
  • Quanti anziani (pastori) o servitori di ministero sono positivi al coronavirus
  • Segnalare se ci sono “fratelli” o “sorelle” medici o infermieri impiegati nella gestione dell’emergenza, affinché siano contattati direttamente dalla Filiale per essere incoraggiati.(e secondo me per poter far presente alle autorità che anche loro partecipano nel sociale)

Sono in corso spedizioni di kit di dispositivi sanitari ma non per tutti, solo per un ristrettissimo caso di individui e cioè solo quei Testimoni di Geova che si trovano messi in quarantena dall’AUSL e che non hanno già potuto procurarsi da soli mascherine, gel igienizzante guanti.
Tutte misure secondo la mia valutazione di pro forma, e assolutamente senza un reale costo finanziario per la loro organizzazione.

Come avete notato i soldi verranno impiegati per tutt’altro.

Potete notare nel primo paragrafo, che la WTS ha deciso di utilizzare “fondi destinati alle operazioni di soccorso per acquistare diversi account i di Zoom che le congregazioni potranno utilizzare in questo periodo critico a livello globale”.

Senza alcuna vergogna specificano che i soldi che i componenti delle congregazioni hanno donato per le operazioni di soccorso vengono usati per acquistare account di Zoom.

Ma come non è un Ente morale di Assistenza e beneficenza?
E prioritario Zoom rispetto a tutti i bisognosi di aiuto economico?
Non vi sembra molto strano?
L’articolo 1 dello Statuto della Congregazione Cristiana dei Testimoni di Geova definisce la Congregazione “un ente di religione e di culto, di istruzione, assistenza e beneficenza, con essenziale fine di religione e di culto”.

Le istruzioni che potete leggere nella lettera sopra inserita del 3 evidenziano ancora una volta l’inganno perpetrato ai danni dello Stato, poichè in un momento di massimo bisogno di assistenza e beneficenza, la Società usa i soldi donati ai fini di operazioni di soccorso, per cosa..... per l’acquisto di account Zoom anziché per questioni sanitarie urgenti ed emergenti.

Ciliegina sulla torta, al paragrafo 3 della lettera, come potete vedere continuano a chiedere ai propri adepti, altri soldi “a sostegno delle operazioni di soccorso che si continuano a effettuare in tutto il mondo”.

Giudicate voi!

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a:
quovadis.aps@gmail.com
Torna ai contenuti