Insieme possiamo fare tanto. Entra nella grande famiglia di Quo Vadis

NOTIZIA DA UN QUOTIDIANO – TDG NUOVA CAUSA PER ABUSI SESSUALI INFANTILI

abusi sui minori Nov 08, 2021

Causa per abuso sessuale intentata contro la congregazione dei Testimoni di Geova della contea di Pierce


Un sopravvissuto ad abusi sessuali infantili da parte di un membro di una congregazione dei Testimoni di Geova nella contea di Pierce ha recentemente citato in giudizio l'organizzazione. Moriah Hughes, 24 anni, ha intentato la sua causa il mese scorso presso la Corte Superiore della contea di Pierce contro la Congregazione dei Testimoni di Geova di Milton. Dice che il suo aggressore era un "editore battezzato", che ha usato la sua posizione per perpetrare l'abuso e che la chiesa aveva informazioni su accuse simili fatte contro di lui da un'altra congregazione. In seguito è stato accusato e condannato dalla Corte Superiore della Contea di King per aver abusato di Hughes e di un'altra ragazza. "... la Congregazione dei Testimoni di Geova di Milton sapeva o avrebbe dovuto sapere che rappresentava una minaccia di danno prevedibile per Moriah Hughes, ma non è riuscita a prendere misure ragionevoli per proteggere Moriah Hughes da quel danno", ha affermato la causa. Nomina anche altre organizzazioni come parte della gerarchia della chiesa: la Congregazione Cristiana dei Testimoni di Geova e il Corpo Direttivo dei Testimoni di Geova.

"Volevo portare la consapevolezza sul fatto che questa è una realtà", ha detto Hughes a The News Tribune la scorsa settimana. "E anche se è una realtà straziante nell'organizzazione, non saremo mai in grado di garantire che questo tipo di cose non accadano di nuovo e ad altre persone a meno che non portiamo avanti questa consapevolezza". Nessuno ha risposto a una richiesta di commento che The News Tribune ha inviato all'Ufficio del Consiglio Generale della chiesa. La causa dà questo resoconto di quanto accaduto: Elihu Rodriguez ha abusato di Hughes dal 2012 al 2014 quando lui era adulto e lei aveva tra i 14 e i 16 anni. La sua posizione con la chiesa gli ha dato accesso a Hughes e gli ha permesso di "ingraziarsi" con la sua famiglia, ha detto la causa.

"Rodriguez ha abusato della querelante in più occasioni, anche durante e dopo eventi ecclesiastici come il servizio di campo, lo studio della Bibbia e le riunioni sociali della congregazione", ha affermato la causa. "Prima che Rodriguez abusasse della querelante, la congregazione dell'imputato riceveva una lettera da un'altra congregazione che indicava che aveva commesso simili atti di abuso sessuale con quattro ragazze in quella congregazione prima di venire alla congregazione dell'imputato". Devin Storey, uno degli avvocati che rappresentano Hughes, ha affermato che c'è una storia di abusi nell'organizzazione che risale agli anni '90. "Non stavano prendendo alcuna misura per cercare di prevenire il genere di cose che sono successe qui con il nostro cliente", ha detto Storey. Il suo studio legale ha gestito cause simili in tutto il paese, ha affermato. "E 'assolutamente diffuso da cima a fondo in tutta l'organizzazione", ha detto Hughes. Ha anche detto: "Ho speranza che possano cambiare... La mia speranza genuina è portare alla luce la verità". Steven Reich, un altro avvocato che rappresenta Hughes, ha affermato che l'organizzazione "l'ha incolpata per quello che è successo invece di puntare il dito contro l'autore qui". Rodriguez si è dichiarato colpevole di tre capi di stupro di bambino di terzo grado presso la King County Superior Court ed è stato condannato a cinque anni di carcere nel 2019 per i suoi abusi su Hughes e un'altra ragazza, secondo quanto riportato da NBC News . Aveva 32 anni quando è stato condannato. "Siamo più dei nostri giorni difficili e decisamente più forti delle nostre circostanze", ha detto Hughes. "Certo anche ora ci sono giorni assolutamente difficili, ma continuerò ad andare avanti perché meritiamo assolutamente giustizia e ho fame di giustizia e non mi fermerò finché il mio appetito non sarà pieno".

fonte: https://www.thenewstribune.com/news/local/article255108807.html#storylink=cpy

 

AIUTACI A CONTINUARE LA NOSTRA MISSIONE

FAI UNA DONAZIONE!

EMIL BANCA – VIA EMILIA OVEST, 115 MODENA – Intestato a: QUO VADIS APS

IBAN: IT03M0707212901000000429543

GRAZIE!

Iscriviti alla nostra newsletter

Rimani aggiornato su tutte le novità di SottoSopra!

Nessuna spam garantita. Disiscriviti quando vuoi