Insieme possiamo fare tanto. Entra nella grande famiglia di Quo Vadis

LORIENT: INDAGINE APERTA DOPO UNA DENUNCIA PER INCESTO TRA I TESTIMONI DI GEOVA

abusi sui minori May 27, 2021

Una donna dice di essere stata violentata e aggredita sessualmente da suo padre tra il 1995 e il 2008

• Una donna, che ora ha 33 anni, accusa suo padre di incesto all'interno della comunità dei testimoni di Geova di Lorient.
• Sostiene di essere stata vittima di stupro e violenza sessuale per mano di suo padre tra il 1995 e il 2008.
• Dopo il deposito della sua denuncia, il procuratore di Lorient ha aperto un'indagine preliminare.
Le accuse sono molto pesanti e gettano i testimoni di Geova in subbuglio. Un'indagine preliminare è stata aperta a Lorient dopo la denuncia di un membro che accusa il padre di averla violentata quando era bambina e la sua comunità di aver "occultato" questi atti. Secondo una fonte vicina alle indagini, i genitori del denunciante, 33 anni, sono stati presi in custodia il 3 maggio per 24 ore, poi rilasciati.

La trentenne, ora sposata e madre di tre figli, dice di essere stata violentata e aggredita sessualmente da suo padre tra il 1995 e il 2008, quando aveva 8-21 anni. Indica che suo padre l'avrebbe costretta a fare penetrazioni anali "appena poteva". Sua madre avrebbe "ripetutamente" chiesto di andare a letto con lui, definendola "bloccata" quando si lamentava degli abusi sessuali di suo padre, secondo la denuncia. La denunciante si riferisce anche ai maltrattamenti subiti dai bambini assistiti dalla madre, in qualità di assistente materna.

"Se i miei genitori cadono, cade la comunità di Lorient"

Nell'agosto 2013, dopo la rivelazione dei fatti nell'entourage del denunciante, i Testimoni di Geova di Lorient avevano organizzato un "comitato giudiziario", secondo i trentenni. “Uno degli anziani ha detto che avremmo potuto presentare un reclamo, ma gli altri hanno detto che avrebbe imbrattato il nome di Geova”, ha detto. Un'indagine è stata aperta nel giugno 2019 a Lorient e sua madre ha ritirato l'approvazione della sua assistente materna, secondo la giovane donna.
Ma "i miei genitori sono pienamente supportati dalla comunità", dice. Se i miei genitori cadono, la comunità di Lorient cade perché sono troppe le persone che lo sanno ”. "In tema di incesto esiste già una legge del silenzio ma lì è ancora più forte", insiste la sua avvocato Karine Shebabo, che vuole lanciare una "chiamata a testimoniare" per trovare persone che il suo cliente avrebbe dimenticato.

Il ramo francese dei Testimoni di Geova esprime la sua "compassione"


“Questa situazione ci ferisce molto, perché la vittima, se i fatti sono provati, rischia di soffrire a lungo per gli attacchi subiti. Il nostro primo pensiero è quindi quello della compassione ”, ha reagito la Béthel, la filiale francese dei Testimoni di Geova. Secondo questa fonte, la linea di condotta "in termini di denuncia di abusi sessuali su minori" è per i "ministri della religione" di invitare "la vittima adulta a rivelare i fatti alle autorità" o di chiedere ai genitori di farlo se è una minore.

“Questa raccomandazione è stata seguita per molti, molti anni”, dice la Bethel. Quanto al "comitato giudiziario" a cui fa riferimento il denunciante, esso "è costituito unicamente per decidere se l'imputato può restare membro dell'assemblea o meno" e la sua azione "non interferisce in alcun modo con il procedimento giudiziario dinanzi al autorità ", assicura.

"Tantum religio potuit suadere malorum".

 

tradizione automatica:

 

https://www.20minutes.fr/societe/3047287-20210523-lorient-enquete-ouverte-apres-plainte-inceste-chez-temoins-jehovah

 

PER COMMENTARE QUESTO ARTICOLO SCRIVETE A:

[email protected]

SE PUOI E LO DESIDERI CONDIVIDILO CON I TUOI AMICI

METTI MI PIACE SULLE NOSTRE PAGINE:

https://www.facebook.com/quovadisaps/

https://www.facebook.com/rocco.politi

Iscriviti alla nostra newsletter

Rimani aggiornato su tutte le novità di SottoSopra!

Nessuna spam garantita. Disiscriviti quando vuoi