Insieme possiamo fare tanto. Entra nella grande famiglia di Quo Vadis

LO SCHIAVO FEDELE E DISCRETO

corpo direttivo Apr 07, 2021

LO SCHIAVO FEDELE E DISCRETO

"CHI È REALMENTE LO SCHIAVO FEDELE E DISCRETO CHE IL SUO SIGNORE HA COSTITUITO SOPRA I PROPRI DOMESTICI PER DAR LORO CIBO A SUO TEMPO? FELICE QUELLO SCHIAVO SE IL SUO SIGNORE ARRIVANDO LO TROVERÀ A FARE COSÌ. VERAMENTE VI DICO: LO COSTITUIRÀ SOPRA TUTTI I SUOI AVERI.”(Matteo 24,45-47).


Nessuna Scrittura più di quella sopra riportata è maggiormente citata dal CORPO DIRETTIVO dei "Testimoni di Geova ", che in tal modo cerca di rendere maggiormente credibili le sue pretese di lealtà e sottomissione nei suoi confronti.

L'autorità che esso rivendica si basa non soltanto sulla sua personalissima interpretazione delle parole di GESÙ, ma, principalmente sull'uso che esso fa di tale interpretazione. Essa tende fondamentale a confermare il concetto che deve esistere una "Autorità amministrativa Centrale ", mediante la quale viene esercitato un esteso controllo su tutti i membri della "Congregazione Cristiana" (quali i Testimoni di Geova ritengono essere esclusivamente).

Fu verso la fine della presidenza di RUSSELL che egli stesso fu considerato il "SERVO FEDELE E PRUDENTE". Ed egli non manifestò difficoltà alcuna ad accettare tale designazione. Egli riteneva infatti che le parole della parabola di Matteo non potessero applicarsi ai membri dell'intero CORPO di CRISTO, ma che indicassero invece, che al tempo stabilito da Dio avrebbe fatto la sua comparsa uno speciale servitore, una singola persona.

Durante il primo decennio della sua presidenza, il carisma di RUTHERFORD non si avvicinò nemmeno lontanamente a quello del suo predecessore. Diversamente da RUSSELL, egli non era stato scelto come unico "Pastore" dagli affiliati della " Torre di Guardia ". Così durante i primi dieci anni della sua presidenza dedicò molto tempo al compito di mietere consensi, di accrescere la sua influenza e di trovare il sistema per fronteggiare la valanga di dubbi e incertezze dovuti al fallimento delle profezie della " Torre di Guardia " sulla fine del mondo. Per tutto quel tempo egli sostenne con forza che RUSSELL era realmente " quel servitore " e che le cose che egli aveva insegnato, incluse le date che egli aveva stabilito, erano accurate oltre ogni dubbio.

Ma una volta ottenuto il controllo totale, tutto questo ebbe termine e vi fu un mutamento di rotta, nel corso del quale tutto ciò che era stato insegnato da RUSSELL fu modificato o rigettato. Furono fatti pochi riferimenti alla parabola dello " Schiavo fedele e discreto ". Essa non era più necessaria. RUTHERFORD aveva introdotto al suo posto il magico termine " organizzazione " mentre conferiva sempre maggiore enfasi alla “ Teocrazia “(dominio di DIO).

Caratteristica della sua presidenza fu l'espressione che DIO governa l'Organizzazione dall' alto verso il basso, e non dal basso verso l'alto, e ciò perché, ovviamente, sulla terra egli era, senza ombra di dubbio “l'alto”.

Lo " Schiavo fedele e discreto " fu identificato con il " corpo del consacrato popolo di DIO ". Sin da allora si è insegnato che esso è il Corpo collettivo degli " Unti " Cristiani viventi sulla terra in ogni tempo, a partire dalla PENTECOSTE fino ad oggi. La " Torre di Guardia " del 1 SETTEMBRE 1981, pagina 24, così si esprime:
"I testimoni di Geova comprendono che lo " SCHIAVO " si compone di tutti gli unti cristiani, come gruppo, viventi sulla terra in qualsiasi dato tempo durante i 19 secoli trascorsi dalla pentecoste. I " domestici " sono questi stessi seguaci presi individualmente ".
Di per sé non vi è niente da obbiettare a questa definizione. In effetti, essa dice semplicemente che la presentazione della parabola dello " schiavo " si applica ai Cristiani di ogni tempo, poiché, nelle SCRITTURE, tutti i Cristiani sono considerati unti da DIO.

Naturalmente la SOCIETÀ " Torre di Guardia " non credente che tutti i Cristiani siano unti suddivide i Cristiani oggi viventi in due classi, la classe dei non unti con speranza terrena, e quella degli unti con speranza celeste.

Secondo la sua spiegazione, i "domestici " della parabola rappresentano gli " unti " individualmente, i quali sono citati dallo " schiavo", il quale, a sua volta, li rappresenta come Corpo Collettivo. Questo modo di vedere le cose può anche trovare qualche parallelo nelle SCRITTURE, come per esempio in ISAIA 43,10-12 che essi citano a tal proposito,nel quale JHWH parla della nazione d' Israele, definendola il " mio servitore " (al singolare) e degli individui che la componevano come dei " suoi testimoni " (al plurale).

Il problema sorge quando si passa all'applicazione che di tale principio fa la " Torre di Guardia ". Oggi, questa " classe dello schiavo " è composta da un rimanente dei 144.000 unti ancora viventi sulla terra. Nel 1993 il loro numero era approssimativamente di 8.693.

Esaminiamo adesso in che modo le pubblicazioni della " Torre di Guardia " hanno elaborato tale interpretazione di base forzandola fino all' estremo. Comprenderemo immediatamente che il loro scopo principale è quello di accreditare - e di rafforzare - l'idea che DIO e CRISTO trattino con le persone mediante un'organizzazione, e che oggi tale organizzazione è rappresentata dalla SOCIETÀ " TORRE DI GUARDIA ". Intanto bisogna prendere nota del fatto che la "SOCIETÀ ' insegna che la " classe dello schiavo fedele e discreto " ha avuto una ESISTENZA CONTINUA ED ININTERROTTA A COMINCIARE DAL SUO INIZIO NEL 33 d.C., fino ad oggi. La "Torre di Guardia " del 15 LUGLIO 1975,pagine 430 e 431,dava risalto a questo fatto,dicendo:
" GESÙ AVEVA DETTO: ECCO,IO SONO CON VOI TUTTI I GIORNI FINO AL TERMINE DEL SISTEMA DI COSE (Matteo 28,20). GESÙ CRISTO È IL CAPO DELLA CONGREGAZIONE, IL SUO SCHIAVO, E LE SUE PAROLE MOSTRANO CHE LI AVREBBE RAFFORZATI PER DARE CIBO AI SUOI "DOMESTICI" NEL CORSO DEI SECOLI. APPARENTEMENTE UNA GENERAZIONE DELLO " SCHIAVO " CIBAVA LA GENERAZIONE SUCCESSIVA, CONTINUANDO A CIBARE SE STESSA. VEDIAMO DUNQUE CHE GESÙ CRISTO STESSO RICHIAMÒ L' ATTENZIONE SU QUESTO METODO DI CIBARE IL SUO POPOLO, NON COME SINGOLI INDIVIDUI ISOLATI E INDIPENDENTI, MA COME CORPO DI CRISTIANI STRETTAMENTE UNITI AVENTI VERO AMORE E CURA GLI UNI DEGLI ALTRI ".
Sul fatto che nel corso dei secoli vi siano stati uomini e donne che, individualmente, si sono dimostrati dei veri Cristiani nessuno ha dubbi. Le parole di GESÙ in MATTEO 28,20 lo fanno comprendere con chiarezza. Questo, comunque, non è quello che dice la "Torre di Guardia ". Essa crede invece nell' ininterrotta esistenza di una " classe dello schiavo " solo come Corpo strettamente unito che nel corso dei secoli è stato l'unico a provvedere il cibo spirituale. La possibilità che CRISTO possa aver " cibato " qualcuno, sia individualmente che in gruppo, che non fosse unito a tale corpo non viene nemmeno presa in considerazione.
La " Torre di Guardia del 1 MARZO 1984,alle pagine 19 e 20 afferma che, sin dalla PENTECOSTE per mezzo della " classe del fedele economo collettivo ", CRISTO ha provveduto affinché tutti ricevessero lo stesso cibo spirituale. Questo in pratica significa che tutte queste persone erano unite insieme in maniera organizzata e si comprende chiaramente quando consideriamo l'applicazione moderna dell' identificazione dello " classe dello schiavo ", fatta sin dal 1943 nell' edizione della " Torre di Guardia " del 15 LUGLIO di quell'anno,che dice (alle pagine 215,216, dell'edizione inglese:
"I FATTI FISICI DEL 1878 A.D. FINO AL 1918 PROVANO CHE IL PICCOLO CORPO DI CONSACRATI,GENERATI DALLO SPIRITO,UOMINI E DONNE CHE ERANO E SONO UNITI NEL SERVIRE GEOVA DIO E IL SUO REGNO IN UNIONE CON LA SOCIETÀ TORRE DI GUARDIA DI BIBBIE E TRATTATI ADEMPIE LA DESCRIZIONE PROFETICA DEL "SERVITORE". PERCIÒ TALI PERSONE,FISICAMENTE DISPERSE SU TUTTA LA TERRA, SONO UNITI NEL COOPERARE MEDIANTE LA SOCIETÀ TORRE DI GUARDIA DI BIBBIE E TRATTATI,COSTITUISCONO IL CORPO DEL "SERVITORE" DEL SIGNORE SULLA TERRA".
Quanto dice la rivista summenzionata non è che un' asserzione della SOCIETÀ TORRE DI GUARDIA priva di qualsiasi riscontro storico oggettivo. Non è mai esistita la struttura che essa identifica nella figura dello " schiavo fedele e discreto " o di qualsiasi gruppo incaricato di trasmettere agli uomini messaggi di DIO. Si tratta semplicemente di ipotesi finalizzate al sostegno dell' interpretazione della " Torre di Guardia " e della struttura organizzativa che si è data. Ma cosa mostra la storia al riguardo?

I FATTI E LA STORIA.

Se, per ipotesi,una struttura del genere, un "canale di comunicazione " fosse realmente esistito, non c'è dubbio che sarebbe stato rappresentato dal CORPO principale della CHIESA nascente e non dai frammenti ereticali che da essa andavano originandosi. Per coerenza, allora, il cosiddetto " schiavo fedele e discreto " dev'essere ricercato al di fuori di tale sistema religioso.
Sorge,pertanto,la domanda: chi, in quel tempo costituiva la “ classe dello schiavo “? Chi era incaricato da DIO come unico tramite umano per la distribuzione del " cibo spirituale " ai Cristiani del secondo, terzo, e quarto secolo, già diffusi su tutta la terra a quel tempo conosciuta?
LE PUBBLICAZIONI DELLA SOCIETÀ TORRE DI GUARDIA NON HANNO MAI INDICATO CHIARAMENTE L'IDENTITÀ DI TALE "CANALE", GIUSTIFICANDOSI CON LA SCUSA DELL' APOSTASIA CHE AVREBBE IMPEDITO L' IDENTIFICAZIONE DELLA CLASSE DELLO "SCHIAVO FEDELE E DISCRETO ". COSÌ, L' ESISTENZA DI TALE "CANALE" DURANTE QUEL PERIODO È SEMPLICEMENTE PRESUNTA. MA CHE DIRE DEL PERIODO SUCCESSIVO?

Troviamo molte informazioni storiche sull'evoluzione religiosa dei primi secoli, dalle quali non solo emerge un quadro chiaro e completo dello sviluppo della vera CHIESA, ma anche delle lacerazioni e delle divisioni che dopo aver dato vita a diversi movimenti, infine confluirono nel grande alveo della "RIFORMA" ed infine portarono al sorgere delle varie denominazioni Protestanti. Tuttavia,dalla massa dei fatti a nostra disposizione, non emerge nulla che sostenga, anche parzialmente, ciò che dice la " Torre di Guardia " sull'esistenza di una cosiddetta classe dello " schiavo fedele e discreto ", cioè di un gruppo collettivo ben identificato che nel corso dei secoli abbia provveduto a cibare Spiritualmente i veri Cristiani in tutto il mondo, una generazione dopo l'altra.

 

Di tanto in tanto la "Torre di Guardia " dice che è possibile che i veri Cristiani della classe dello " schiavo fedele e discreto ", facessero parte di alcune aggregazioni Cristiane medioevali come i VALDESI, I LOLLARDI e simili. MA SI TACE SUL FATTO CHE MOLTO SPESSO I SEGUACI DI TALI RELIGIONI CREDEVANO IN DOTTRINE COME LA TRINITÀ,L' IMMORTALITÀ DELL' ANIMA E COSE DEL GENERE,CHE LA SOCIETÀ CONSIDERA COME PAGANE E NON BIBLICHE. Tali gruppi, inoltre, generalmente avevano diffusione regionale, essendo spesso limitati ad alcune contrade, o al massimo, ad alcune province. Nessuno d'essi ha i requisiti necessari per essere identificato come il solo " canale " di distribuzione dello "stesso cibo spirituale " a tutti i Cristiani del mondo; caratteristica questa, indispensabile per un Cristianesimo universale, a meno che non si creda che, a quel tempo, tutto il " grano " del mondo si trovasse in un solo luogo.
Invece di andare così indietro nel tempo, fino ad arrivare agli ANABATTISTI (un gruppo con il quale, di recente, si è cercato di trovare qualche analogia, facendone un anello della catena), perché non hanno cercato di ricostruire una comunità con il passato più recente, diciamo nel 18 esimo o 19 esimo secolo, molto più ricchi di informazioni al riguardo? Perché non hanno cercato di stabilire un legame fra lo " schiavo fedele e discreto " e RUSSELL, fondatore nel 1881, della SOCIETÀ TORRE DI GUARDIA? Questo avrebbe certamente costituito un punto di partenza più logico e ragionevole, dal quale andare successivamente a ritroso. Per tornare agli ANABATTISTI la " Torre di Guardia " del 15 NOVEMBRE 1987 alle pagine 21-23 ne mette in risalto i punti di contatto mentre ignora del tutto le differenze grandi che esistono con i " Testimoni di Geova ". Nel prossimo post tratteremo di questa " catena di legami invisibili ".

Marco Lucchesi

Per commentare questo articolo scrivete a:

[email protected]

SE PUOI E LO DESIDERI CONDIVIDILO CON I TUOI AMICI

METTI MI PIACE SULLE NOSTRE PAGINE:

https://www.facebook.com/quovadisaps/

https://www.facebook.com/rocco.politi

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Cras sed sapien quam. Sed dapibus est id enim facilisis, at posuere turpis adipiscing. Quisque sit amet dui dui.
Call To Action

Stay connected with news and updates!

Join our mailing list to receive the latest news and updates from our team.
Don't worry, your information will not be shared.

We hate SPAM. We will never sell your information, for any reason.