Insieme possiamo fare tanto. Entra nella grande famiglia di Quo Vadis

DONNA TESTIMONE DI GEOVA AFFERMA CHE LA CONGREGAZIONE LE HA FATTO ASCOLTARE L'AUDIO DEL SUO STUPRO

abusi sui minori Oct 25, 2021

L'alta corte dello Utah valuta il caso di una donna che afferma che la congregazione le ha fatto ascoltare l'audio del suo stupro

I tribunali inferiori affermano che il Primo Emendamento impedisce alle giurie di considerare il caso
SALT LAKE CITY - La Corte Suprema dello Utah ha ascoltato lunedì le discussioni in un caso in cui i leader maschi di una congregazione dei Testimoni di Geova a Roy hanno costretto una ragazza di 15 anni ad ascoltare una registrazione di un uomo che la violentava nel 2008.
I tribunali inferiori hanno riscontrato che la chiesa non è responsabile per l'incidente sotto la protezione del Primo Emendamento.
L'alta corte dello stato non ha ancora emesso alcuna sentenza, ma un giudice ha chiarito le sue opinioni sulla presunta condotta.
"L'accusa qui è un equivalente mentale ed emotivo del waterboarding", ha detto il giudice Deno Himonas. “Sono giudice da molto tempo e avvocato da molto tempo. Non ho mai visto, in tribunale, qualcosa di simile che sia presunto. "
La giustizia ha risposto a un avvocato della chiesa che ha fatto riferimento alla tortura per difendere i suoi clienti. L'avvocato Kara Porter ha detto che avrebbe tracciato un limite a tali danni fisici. Ma ha sottolineato che la donna nel caso sostiene l'inflizione intenzionale di disagio emotivo.
Gli avvocati della donna che ora ha più di trent'anni sostengono che i tribunali di grado inferiore hanno sbagliato quando hanno stabilito che il Primo Emendamento protegge la chiesa da responsabilità.
Dicono che la più alta corte dello Utah creerà un pericoloso precedente se deciderà di concedere tale protezione, consentendo di fatto altre condotte dannose da parte di organizzazioni religiose come condividere le cartelle cliniche di una persona o colpire ripetutamente un bambino in faccia.
Porter ha sottolineato che il tribunale stava cercando di determinare se la ragazza avesse peccato, un processo in cui il governo non è autorizzato a intromettersi.
La donna ha citato in giudizio i quattro anziani, la chiesa Roy e l'organizzazione nazionale della religione, la Watchtower Bible and Tract Society, nel 2 ° tribunale distrettuale di Oden nel 2016. Afferma di aver pianto, tremava visibilmente e li ha supplicati di smettere mentre suonavano la registrazione a intermittenza nel corso di almeno quattro ore nel 2008. Il loro obiettivo era quello di estrarre una confessione che aveva volontariamente compiuto sesso al di fuori del matrimonio, sostengono i suoi avvocati.
Sostiene di avere 14 anni quando l'uomo, un collega Testimone di Geova, 18 anni, la bullizzò sempre di più e iniziò ad aggredirla sessualmente nel dicembre 2007. Sostiene di averla violentata più volte e di aver fornito ai dirigenti della sua congregazione una registrazione di un caso.
Ha cercato consulenza e cure mediche mentre si occupava di ansia, incubi e scarso rendimento a scuola, dicono i suoi avvocati. Notano che prima di presentare ricorso, la seconda corte distrettuale ha stabilito che non avrebbe "esitato" a inviare il caso a una giuria se riguardasse un contesto secolare.
"È un caso importante e difficile", ha detto il presidente della Corte Suprema Matthew Durrant al termine dell'udienza durata circa un'ora e mezza.
I giudici lunedì hanno disseminato gli avvocati di entrambe le parti con domande su dove dovrebbe essere tracciata una linea legale nelle rivendicazioni civili legate a questioni religiose. Entrambe le parti hanno convenuto che le accuse non rientrano in alcun reato penale.
Il giudice Paige Petersen ha detto che la risposta potrebbe essere una questione di gradi.
La semplice convocazione del processo del tribunale ecclesiastico potrebbe turbare una persona nella fede che sa che la condotta è vista come un peccato, ha osservato Petersen. Dall'altra parte dello spettro, ha detto, un gruppo può credere che debba fare tutto il necessario per scoprire cosa è successo, anche se il processo include la tortura.
"Come tracciamo le linee lì?" Petersen ha detto.
La Corte Suprema degli Stati Uniti ha ritenuto che un'azione del governo viola il divieto del Primo Emendamento di stabilire una religione se favorisce un "intreccio eccessivo con la religione".
La Corte d'Appello dello Utah ha stabilito lo scorso anno che giudicare la rivendicazione legale della donna equivarrebbe a un coinvolgimento eccessivo perché "richiede un'indagine sull'adeguatezza della condotta della chiesa nell'applicare una pratica religiosa e quindi viola la clausola istitutiva del primo emendamento".
I suoi avvocati non sono d'accordo.
L'avvocato Robert Friedman ha affermato di non contestare che ci fossero ragioni religiose in gioco, "ma il motivo non può giustificare la condotta".
Inoltre, il caso non richiede che un tribunale interpreti gli insegnamenti religiosi o determini se le credenze religiose di qualcuno sono vere o false, il tipo di mosse proibite dal Primo Emendamento.
Oltre all'argomentazione sulla libertà di parola, gli avvocati degli anziani e della chiesa hanno sostenuto che la causa era priva di fatti a sostegno dell'affermazione. Hanno anche detto in precedenza che gli uomini avevano il dovere nella loro fede di indagare sulle accuse di peccato e l'adolescente avrebbe potuto lasciare l'incontro con i suoi genitori.
Il giudice Thomas Lee ha sollevato la questione se i fattori di discriminazione religiosa siano dovuti alla fede predominante dello Utah, la Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni. Ha notato che una giuria potrebbe essere composta principalmente da membri di quella fede.
"Non pensi che ci sia una seria preoccupazione che quel corpo e quel gruppo stiano per esprimere un giudizio basato sulle loro convinzioni su cosa sia l'ortodossia religiosa e la ragionevolezza?" Ha chiesto Lee.
Friedman ha ribattuto di ritenere che questi problemi potrebbero essere risolti da un giudice, anche nel processo di selezione della giuria e nelle istruzioni fornite ai giurati prima che deliberino.

https://www.deseret.com/utah/2020/11/9/21557200/utah-supreme-court-case-woman-says-church-made-her-listen-to-audio-of-her-rape-jehovahs-witnesses

 

TI INVITIAMO A SOSTENERE LA NOSTRA MISSIONE 

ENTRANDO A FAR PARTE DELLA GRANDE FAMIGLIA DI

QUO VADIS APS ABBONANDOTI

PER COMMENTARE QUESTO ARTICOLO SCRIVETE A:

[email protected]

SE PUOI E LO DESIDERI CONDIVIDILO CON I TUOI AMICI

METTI MI PIACE SULLE NOSTRE PAGINE:

https://www.facebook.com/quovadisaps/

https://www.facebook.com/rocco.politi

CON UNA DONAZIONESARAI ANCHE TU SARAI PROTAGONISTA

NELL'AIUTARE TANTA GENTE A USCIRE DA SETTE

E ORGANIZZAZIONI RELIGIOSE DEVIANTI!

GRAZIE!

Iscriviti alla nostra newsletter

Rimani aggiornato su tutte le novità di SottoSopra!

Nessuna spam garantita. Disiscriviti quando vuoi