Insieme possiamo fare tanto. Entra nella grande famiglia di Quo Vadis

BRASILE - LA GIUSTIZIA COSTRINGE IL TESTIMONE DI GEOVA A RICEVERE TRASFUSIONI DI SANGUE

sangue Oct 20, 2021

Il tribunale di San Paolo ha autorizzato l'ospedale Unimed de Piracicaba a eseguire una trasfusione di sangue su un paziente che si è rifiutato di ricevere cure a causa di convinzioni religiose. La professoressa JP, 58 anni, è stata ricoverata in ospedale a luglio con un caso di emorragia digestiva. I medici hanno capito che era necessario eseguire un'endoscopia per indagare sulla posizione dell'emorragia, ma, trattandosi di un test invasivo, hanno voluto sottoporla a una trasfusione di sangue per stabilizzare il quadro clinico.
 

JP, però, per aver seguito i precetti dell'associazione religiosa dei Testimoni di Geova, non ha accettato il trattamento. Secondo la Chiesa, la Bibbia vieta ai cristiani di accettare il sangue come qualcosa di sacro, che rappresenta la vita. ... Di fronte al rifiuto, l'ospedale è andato in tribunale sostenendo che l'insegnante era a rischio di morte imminente perché era in shock emorragico. "L'ospedale ha il dovere di preservare la vita del paziente", ha detto nel processo. Il giudice Lourenço Carmelo Tôrres ha concesso un soccorso d'urgenza autorizzando Unimed ad adottare tutte le procedure mediche necessarie per preservare la vita del paziente", ha detto nel processo. Il giudice Lourenço Carmelo Tôrres ha concesso un soccorso d'urgenza autorizzando Unimed ad adottare tutte le procedure mediche necessarie per preservare la vita dell'insegnante, "anche se contro la sua volontà". "La scusa religiosa non può prevalere sul diritto alla vita", ha dichiarato il magistrato nella sentenza.
 

Sulla base della decisione, i medici hanno sedato JP ed è stata eseguita una trasfusione di sangue. In una petizione presentata alla Corte, JP ha dichiarato di ritenere di essere stato torturato e di considerare l'atto medico come uno stupro. "L'idea di sistemare un cittadino adulto e in grado di sottoporlo a cure mediche invasive suona totalmente irragionevole, inaccettabile e irrazionale", hanno detto i suoi avvocati alla corte. "È spaventoso."
 

La difesa ha dichiarato nel processo che la professoressa aveva preso una decisione inequivocabile, riconoscendo la responsabilità della sua scelta e che la Costituzione non consente a un medico di impossessarsi del corpo di un paziente al punto da decidere per lui il modo migliore per seguire la tua vita. "Si tratta di una scelta esistenziale legittima, basata su convinzioni religiose che non possono essere messe in discussione da altri". JP ha affermato alla corte che il trattamento forzato le ha causato gravi danni morali e psicologici e ha chiesto un risarcimento di R$ 30.000. Il caso non è stato ancora giudicato.
 

L'ospedale ha detto alla corte che il diritto alla vita prevale su altri diritti individuali, inclusa la libertà di credo, citando l'articolo 5 della Costituzione. Ha anche detto che l'insegnante avrebbe poche ore di vita se la procedura non fosse stata eseguita.

Traduzione automatica:

https://noticias.uol.com.br/colunas/rogerio-gentile/2021/10/19/justica-obriga-testemunha-de-jeova-a-receber-transfusao-de-sangue.htm

 

TI INVITIAMO A SOSTENERE LA NOSTRA MISSIONE 

ENTRANDO A FAR PARTE DELLA GRANDE FAMIGLIA DI

QUO VADIS APS

PER COMMENTARE QUESTO ARTICOLO SCRIVETE A:

[email protected]

SE PUOI E LO DESIDERI CONDIVIDILO CON I TUOI AMICI

METTI MI PIACE SULLE NOSTRE PAGINE:

https://www.facebook.com/quovadisaps/

https://www.facebook.com/rocco.politi

CON UNA DONAZIONESARAI ANCHE TU SARAI PROTAGONISTA

NELL'AIUTARE TANTA GENTE A USCIRE DA SETTE

E ORGANIZZAZIONI RELIGIOSE DEVIANTI!

GRAZIE!

Iscriviti alla nostra newsletter

Rimani aggiornato su tutte le novità di SottoSopra!

Nessuna spam garantita. Disiscriviti quando vuoi