Insieme possiamo fare tanto. Entra nella grande famiglia di Quo Vadis

ATTENZIONE AL SOVRACCARICO DI INFORMAZIONI

stile di vita Nov 07, 2021

Un eccesso di informazioni provoca un sovraccarico cognitivo

Le troppe informazioni sono un problema tipico dei nostri tempi. In passato non si era mai verificato perché non si aveva a disposizione internet, che invece oggi rappresenta un serbatoio sconfinato di notizie.

Attraverso la rete possiamo informarci su qualunque argomento, e questa è certamente una buona cosa. Permette praticamente a tutti di avere accesso alla conoscenza, cosa che in passato era riservata soltanto agli studiosi o ai tecnici specializzati dei vari settori. Erano solo loro che, attraverso studi specifici, avevano la possibilità di conoscere ciò che a tutti gli altri era precluso. Per la maggioranza, il costo degli studi e la mancanza di familiarità con certi argomenti li rendevano impossibili da avvicinare.

Oggi possiamo sapere tutto ciò che vogliamo ma, dall’altro lato, internet ci mette a disposizione troppe informazioni. Le fonti sono così tante che diventa perfino difficile valutare quale siano veritiere e quali invece siano false o approssimative.

Poter accedere a molte informazioni sembra una grande opportunità ma, sotto il profilo intellettivo, tendono a creare una grande confusione. Questa confusione, definita tecnicamente sovraccarico cognitivo o information overloding, porta le persone a non riuscire a focalizzare la propria attenzione su niente. Si verifica coì una sorta di blocco mentale che ci impedisce di fare una scelta.

Ti faccio un piccolo esempio pratico del sovraccarico cognitivo che può essere provocato da troppe informazioni. Ti è mai capitato di entrare in un supermercato per comprare uno yogurt e, davanti all’infinita scelta sullo scaffale, non riuscire a decidere quale prendere? Di solito si finisce con il comprarne uno a caso. Avere un eccesso di informazioni crea in modo inconscio lo stesso risultato nella comprensione e nell’apprendimento.

Troppe Informazioni Nessuna Informazione

Quando abbiamo un eccesso di notizie, il nostro cervello non riesce a fare una valutazione e tende quindi a non ricordare nulla. Al massimo ci restano in mente pochissime cose e in modo vago. Umberto Eco sintetizzava questo problema con la frase “troppe informazioni, nessuna informazione”, ed è proprio così.

Un altro sintomo legato a questo discorso è l’insicurezza che genera un eccesso di notizie. Ogni giorno abbiamo notizie che ci dicono tutto e il contrario di tutto e non sappiamo più a cosa credere. Un esempio attuale lo abbiamo visto durante questa pandemia per quanto riguarda il Covid e i vaccini. Si è creata una diffusa insicurezza emotiva perché ci si sente incapaci di comprendere fino in fondo quello che accade. Purtroppo così si finisce con il credere alle fake news oppure si segue alla cieca quello che ci sembra più vicino alle nostre idee di base.

Abbiamo tante informazioni ma, se non ci fermiamo per cercare di approfondirle da fonti affidabili, finiamo per convincerci ogni giorno di qualcosa di diverso. Così rischiamo di passare la vita cambiando continuamente idea senza conoscere la verità o, ancora peggio, assolutamente certi di qualcosa che non è vera.

Davanti alle troppe informazioni di cui oggi disponiamo, cerchiamo quindi di prenderci il tempo di approfondire quel che ci interessa. Usiamo il buonsenso per verificare le fonti. Non lasciamo che la possibilità di conoscere ci scivoli addosso diluita da un eccesso di nozioni false o superflue.

M.L.

AIUTACI A CONTINUARE LA NOSTRA MISSIONE

FAI UNA DONAZIONE!

EMIL BANCA – VIA EMILIA OVEST, 115 MODENA – Intestato a: QUO VADIS APS

IBAN: IT03M0707212901000000429543

GRAZIE!

Iscriviti alla nostra newsletter

Rimani aggiornato su tutte le novità di SottoSopra!

Nessuna spam garantita. Disiscriviti quando vuoi