TECNOLOBUGIE - I TDG E LA TECNOLOGIA - Quo Vadis aps

Vai ai contenuti
  
25 ottobre 2019
TECNOLOBUGIE
    I TDG E LA TECNOLOGIA
(articolo scritto da un testimone di Geova)

  
Come mettere insieme il diavolo e l'acqua santa, coi TdG nella parte del diavolo ovviamente.

Le bugie hanno le gambe corte, l'ipocrisia è sicuramente una bella maschera ma prima o poi la vera faccia delle persone viene scoperta, nulla può rimanere nell'ombra per sempre.
La tecnologia ha rotto il giocattolo della segretezza che i TdG hanno conservato per anni, diciamo pure che con l'estrema segretezza hanno abusato della privacy e della vita di milioni di adepti.
Fino a dieci, quindici anni fa un TdG doveva vergognarsi di avere internet.
Chi aveva internet era visto pressapoco come un pervertito perchè secondo i malpensanti della Watchtower, Internet poteva essere utilizzato solo per la pornografia.
Qualunque cosa tu avessi dovuto cercare sul web ti avrebbe reindirizzato automaticamente ad un sito porno.
Non so, di tecnologia e web credo di intendermi abbastanza e non è mai successo!
Cioè, succede, ma se uno volontariamente decide di accedere ad un sito porno, ma lo spauracchio che veniva messo in testa ai TdG, per anni ha condizionato il rapporto del TdG medio con il web.
Il web è la patria del Demonio e di tutte le schifezze che si annidano in questo mondo, nel web oltre alle cose sconce dal punto di vista sessuale si trovano solo cose immonde, predatori sessuali, attività che fanno perdere tempo etc etc etc…
Tutto tranne jw org...........perchè jw org anche se è su internet è santo.
    Santo perchè gestito dai TdG.
    Tutto quello che viene scritto su JW è verità incontrovertibile.
    Come crescono i fiori?
    Qual'è la capitale del Vietnam?
    Come hanno inventato la ruota?
    Tutto bisogna cercare su JW perchè solo JW è un sito affidabile.
    Come detto, tutto il resto è inaffidabile.

    Notizie dal mondo?
    Ma ovviamente su JW è tutto vero, gli altri siti, anche se di testate autorevoli non sono come JW.
    Vuoi mettere il farti raccontare cosa succede nel mondo da un fratello che sul PC scrive a caso venti parole?
Cosa dovrebbe mai avere di più un giornalista che per anni ha studiato proprio per fare quel mestiere...
Tutte perdite di tempo.
La tecnologia è malvagia se lasciata in mano all'uomo comune ma utile se utilizzata dall'organizzazione di Geova.
Ma come, fino a qualche anno fa mica veniva sconsigliato l'utilizzo di internet?
Si … Ni … Boh …. Internet è il male, non ci sono dubbi, ma come il Re Mida che toccando ogni oggetto quest'ultimo si trasformava in oro, così tutto ciò che l'organizzazione tocca con le proprie mani magicamente diventa... bene.
Il mondo di oggi d'altronde gira tutto alle moderne tecnologie e ad internet.

La pedofilia ad esempio è un cancro della nostra società.
Fino a qualche anno non se ne parlava così costantemente.
Nel mondo dei TdG onestamente non se ne parlava nemmeno.
Sembrava dovesse essere un “problema” in carico solo ad altre confessioni religiose ma era impensabile pensare che fosse una realta nelle congregazioni di tutto il mondo dei TdG.
Nei Testimoni di Geova non c'erano pedofili si è sempre detto, tutti convinti, tutti assolutamente certi.

Internet invece.....
Internet ha aperto al mondo, in generale, la possibilità di venire a conoscenza dei fatti in presa diretta.
Questo ha sconvolto il mondo chiuso dei TdG perchè chiunque nel proprio “privato” avrebbe potuto facilmente raggiungere qualunque notizia.
In un mondo chiuso e sotto controllo come quello dei TdG ovviamente non c'è la possibilità di confrontarsi riguardo a determinati argomenti.
I fratelli a volte per “timore” di essere giudicati fanno persino fatica ad esprimersi riguardo alla squadra che tifano o ai luoghi di vacanza in cui si recano.
Figuriamoci il parlare di argomenti così spinosi.
Mettere in dubbio l'onestà e le azioni dell'organizzazione è il primo passo verso l'emarginazione.
Tutto ciò che la Watchtower fa o dice di fare è giusto, tutto ciò che dice è giusto.
Se l'organizzazione dice che i pedofili sono solo nelle altre confessioni bisogna crederci.

Ma Internet è furbo, internet porta le notizie da un capo all'altro del mondo e vuoi o non vuoi quelle notizie arrivano, a bomba, dal cielo e non puoi farci nulla.

Qualcosa allora cambia nei TdG, si, si inizia debolmente ad ammettere che un certo tipo di problema c'è...ma è marginale...e comunque è sotto controllo, non bisogna avere timore... e anche ci fossero dei pedofili tra i Testimoni di Geova... la colpa sarebbe comunque di “quelli del mondo” perchè quando vai a predicare e qualcuno accetta il messaggio e diventa TdG non puoi mica andare a pensare che quello sia un pedofilo... o che poi si rivelerà un pedofilo.
Le informazioni son poche e mai vengono divulgate.
Qualcuno timidamente, in privato e solo con chi si fida ciecamente inizia a dubitare della buona fede e dell'onestà dell'organizzazione su questi argomenti.
Le chiacchiere poi hanno sempre un gran peso in queste faccende, c'è qualcuno che.... timidamente ammette che in
certe congregazioni si sapeva dei “vizietti” di alcuni fratelli.

Reato. La pedofilia è un reato, ignobile, vergognoso, perpetrato verso chi non può difendersi.
Quando si parla di pedofilia non bisogna schierarsi in difesa della comunità a cui apparteniamo, sia essa religiosa, di nazionalità o anche semplicemente il club delle persone che fanno il nostro stesso mestiere.
La pedofilia dovrebbe spingerci a stare sempre e comunque dalla parte della VITTIMA.
Perchè la pedofilia produce vittime.

Internet ha sdoganato questi segreti in modo catastrofico per i TdG. Di punto in bianco in ogni angolo del pianeta son rimbalzate queste notizie e la Watchtower non saputo metterci una pezza.
I fratelli e le sorelle presi alla sprovvista hanno dovuto inventarsi un modo per difendersi, dalle accuse delle persone e dal guardarsi allo specchio provando vergogna per la comunità a cui si appartiene, la cui buonafede è stata mandata al macero dalle pesanti accuse di aver coperto per anni i pedofili nelle congregazioni.

Internet e l'informazione son il demonio e trasmettono solo informazioni corrotte per mettere in cattiva luce l'organizzazione di Geova.
Adunanze e assemblee servono per far apparire pulito ciò che in realtà nasconde tanta sporcizia.
I giornali son tutti in mano a Satana quindi arriveranno attacchi da ogni parte per insinuare dubbi nella testa dei fratelli.
Chi prova a seminare il ragionevole seme del dubbio viene tacciato di apostasia, emarginato, messo alla gogna.
Se i Testimoni di Geova vogliono avere informazioni sulla pedofilia possono andare su JW org dove in tutta onestà si scrive che “La pedofilia è sbagliata”, salvo omettere che il problema pedofilia è ormai un cancro visibilissimo sia all'interno che all'esterno delle congregazioni.

Si torna al ruolo che a Internet per i Testimoni di Geova.
Internet è pericoloso perchè aiuta la divulgazione di cultura e informazioni.
Per i TdG. Che devono rimanere isolati dal mondo questo rappresenta un grave pericolo.

Dato che la dottrina dei TdG si basa sulla paura di Sbagliare sapientemente instillata nella psiche dei propri adepti, aprire dei varchi di conoscenza in queste teste vuol dire rischiare di perdere...adepti.

Il TdG non è TdG per amore verso Geova ma rimane TdG per paura di fare un qualcosa di sbagliato che se scoperto lo farà allontanare dalla famiglia e dagli amici.
Per questo la Watchtower ha combattuto per anni Internet con ogni mezzo, fino a compiere il gesto più importante che potesse fare, delegare la diffusione della propria dottrina su Internet!!!
Se non puoi sconfiggerlo unisciti a lui!
Così facendo, i TdG son cresciuti con l'idea che internet sia il demonio tranne JW!! Un'oasi di verità in mezzo al marciume.

Ai nominati e ai loro familiari più stretti ( coniugi ) viene sconsigliato l'uso di internet sui social network, un po' per non diffondere foto o informazioni di se stessi, infatti se conoscete dei TdG difficilmente troverete anziani o servitori di ministero con account Facebook o Instagram.
Quelli che hanno questi account li hanno solo per “spiare” e tenere sotto controllo gli altri membri della congregazione.
I giovani usano invece i social network, hanno creato una sorta di mondo parallelo dove vivere la vita “social” inserendo il marchio jw org in ogni profilo.
Una community nella community.
Ed è un grosso pericolo per l'organizzazione, perchè tutti questi giovani connessi tra loro e non si sa chi prima o poi rischiano di perdere le fette di salame sugli occhi e vedere “Mamma Watchtower” così per com'è fatta davvero.
Se ci son da fare ricerche per la scuola ai giovani viene consigliato di usare solo i canali dell'organizzazione.
Tutti gli altri son “dubbi”.
Le informazioni di attualità devono necessariamente passare dal mondo di JW non dai giornali o telegiornali “del mondo”.
I giornali e i telegiornali del mondo son contro i TdG a meno che non parlino bene di loro, e quando una testata giornalistica parla bene dei TdG o parla di un avvenimento dei TdG è solo perchè i TdG han chiesto di pubblicizzare un qualcosa che li riguarda.

Qualche anno fa son uscite su media autorevoli delle inchieste che hanno trattato il tema della pedofilia nei TdG.
I Tdg hanno speso il proprio tempo per avvisare gli altri TdG che il programma X diceva fesserie sui TdG.
Messaggi Whatsapp e mail per mettere in guardia gli altri sul non vedere tale programma.
Nel 2016 è uscito un film molto interessante,
LA RAGAZZA DEL MONDO, la cui trama era incentrata sul mondo chiuso dei TdG.
Anche li vagonate di messaggi tra TdG di ogni luogo per stare in allerta!

Persino una canzone sanremese di qualche anno fa venne messa sotto “censura” da qualche TdG perchè essendo il brano ispirato ad un reale incontro tra i TdG ed il cantautore Max Gazzè, il videoclip sembrava essere una parodia inaccettabile della predicazione.

Ovviamente, molti fratelli e sorelle si son impegnati a bandire l'artista dai propri ascolti e a sconsigliarne l'ascolto pure agli altri.
In un mondo come quello odierno dove tutto passa attraverso internet i TdG “allineati” filtrano e fanno opera censoria di ogni notizia che il “web” cerca di mettere a dispozione.

Non per ultimo, in Italia, alcune settimane fa sono uscite delle notizie che riguardavano “l'assurda presa di posizione dei TdG sul sangue”.
Molti zelanti TdG hanno fatto in modo di rendere “falsa” la notizia ai propri conoscenti o a mandare a destra e a manca informazioni riguardo la poca accuratezza dei giornalisti nel trattare l'argomento, per sminuire il valore di quello che era l'argomento stesso: IL RIFIUTO DELLE TRASFUSIONI.
Internet, il mondo dei social, il mondo dell'informazione. Controllare l'informazione attraverso la rete per non far scappare i pesci dalla rete...
Ci riusciranno? O sarà l'inizio della fine per i TdG?
O semplicemente sarà l'inizio di un ridimensionamento?

Seguiteci e vi informeremo passo dopo passo, sulla metamorfosi che li sta portando alla...

Da un TDG battezzato che collabora con Quo Vadis a.p.s.

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a quovadis.aps@gmail.com

SOSTIENI QUO VADIS a.p.s.
Grazie!

SOSTIENI QUOVADIS
Torna ai contenuti