Perquisizione betel Belgio - Quo Vadis aps casa

Vai ai contenuti
MANDATO DI PERQUISIZIONE AL QUARTIER GENERALE
DEI TESTIMONI DI GEOVA IN BELGIO

 
La polizia ha eseguito un mandato di perquisizione  presso il quartier generale (Betel) dei testimoni di Geova appena fuori Bruxelles in (Belgio)

La conferma della notizia direttamente dall'ufficio del procuratore federale.
 

Viene detto che un magistrato inquirente sta conducendo un'inchiesta sul movimento già da gennaio, a seguito di accuse di abusi sessuali.
 

La prima notizia pubblica dell'inchiesta è stata indicata il mese scorso dal programma VRT Pano, indicando  che i leader della comunità dei testimoni di Geova avevano cercato di mettere a tacere i componenti che si lamentavano di abusi sessuali.
 

Il movimento ha il suo metodo disciplinare al suo interno, alcuni dei "giudici" hanno detto, di essere stati istruiti a non divulgare le accuse di abuso.
 

Le vittime hanno anche fornito informazioni su come funzionavano le tecniche di insabbiamento.
 

Avevamo istruzioni di contattare prima la sede centrale in Belgio, in caso di “abusi sessuali” ha rivelato Pano.
 

"Dovevano istruirci ancora di più su come affrontare questi aspetti cosi complicati, per salvaguardare la reputazione della nostra comunità.                               
La prima cosa che hanno chiesto è stata se la vittima avesse già reso pubbliche le accuse altrove?      
Loro, infatti, ci hanno quasi detto di non andare alla polizia.

"Si temeva che l'inchiesta e le rivelazioni del programma avrebbero potuto indurre i leader del movimento a distruggere prove incriminanti, e l'ufficio del pubblico ministero non ha voluto fornire ulteriori informazioni, quindi non è stata ancora fornita alcuna spiegazione sul perché un mandato di perquisizione richiedesse un mese per essere eseguito.
 

Un portavoce dei Testimoni di Geova ha negato le accuse del programma. "Attribuiamo una grande importanza al benessere dei bambini e invariabilmente segnaliamo qualsiasi accusa alle autorità", ha detto Louis De Wit.
 
"Non c'è posto all'interno della nostra comunità per chiunque possa eseguire tali pratiche."
 

Alan Hope
 
The Brussels Times


 
 
Potete leggere l’intero articolo alla fonte:
http://brusselstimes.com/belgium/justice/15271/police-descend-on-jehovah-s-witness-hq-after-abuse-allegations
Torna ai contenuti