LA LEGGE è UGUALE PER TUTTI – ANCHE PER I TESTIMONI DI GEOVA - Quo Vadis aps

Vai ai contenuti
  
4 dicembre 2019
LA LEGGE E' UGUALE PER TUTTI
ANCHE PER I TESTIMONI DI GEOVA
(articolo scritto da un testimone di Geova
che collabora con Quo Vadis)

Immaginiamo tutti insieme questa situazione.
Da una parte c'è un testimone di Geova inattivo, dall'altra parte l'organizzazione.
Provate a chiedere indietro la vostra documentazione, che nel corso degli anni hanno raccolto senza un ESPLICITO CONSENSO. Come si comporteranno gli apparati burocratici dei Tdg in situazioni simili?

Facciamo un breve passo indietro.
Al momento del battesimo non vi è alcuna PROVA SCRITTA che una persona si unisca o appartenga al culto dei Tdg, escluso il battesimo pubblico, che altro non è che un atto "fisico" della persona, ovvero un SI gridato ad alta voce in sala assemblee non vi è altro che certifichi l'adesione ai testimoni di Geova.
Quello che fa da PROVA è la Testimonianza Oculare dei presenti all'assemblea, i quali possono certificare che la persona X ha fatto pubblica dichiarazione di appartenenza all'organizzazione.
Mai alcun anziano verrà a chiedervi di firmare un documento nel quale si attesti l'avvenuto battesimo, come in nessuna occasione verrà formalizzata per via scritta una disassociazione o qualunque altra disciplina inflitta.

Ora, una persona che decide di aderire a questa comunità è conscia dei passi che sta compiendo.

Ma siamo sicuri sia realmente conscia di tutto quello che gira intorno al mondo dei testimoni di Geova?

Ora, siamo quasi nel 2020, per qualunque azione formale si compia è richiesta o un'autorizzazione scritta o comunque l'azione viene in qualche modo registrata o certificata.
- Avete mai comperato un'automobile senza sottoscrivere un contratto?
- Avete mai preso in affitto un immobile impegnandovi a pagare l'affitto solo con una stretta di mano?
- Avete mai fatto una visita medica senza presentare l'impegnativa del vostro medico curante?

La risposta è NO.
Perché?
Semplice, siamo in un'epoca nella quale ogni azione, seppur minima necessita una registrazione, chiamiamo banalmente questa consuetudine con il nome REGOLE.
Persino se andiamo a bere un caffè al bar ci rilasciano uno scontrino fiscale, perché deve essere Registrato un consumo X che si concretizza in tasse Y per il barista.

I Tdg invece, in modo molto anacronistico continuano a reclutare persone e le inseriscono nelle proprie comunità esclusivamente sulla base di un SI gridato davanti a un migliaio di persone, peraltro tutte o quasi aderenti a quel culto.

Chi vuole iscriversi ad un Partito politico o a qualunque altra associazione riconosciuta nel nostro paese deve APPORRE una firma in calce ad un documento.
Persino la tessera della biblioteca necessita un documento da firmare.

Troveremmo serio un paese dove i propri rappresentanti fossero eletti in piazza per acclamazione popolare e non dietro una elezione regolare dove son certificate preferenze e percentuali di voto?
Ci fideremmo a farci operare da un chirurgo la cui Laurea dipenda solo da una esternazione pubblica delle proprie capacità e non da una serie di esami scritti passati e vagliati da persone competenti?

L'unico ambito in cui può essere accettata una procedura simile è l'elezione di Miss Maglietta Bagnata, d'estate, in qualche spiaggia di sera dove i partecipanti son tutti abbastanza brilli.

I Tdg invece, sulla base di quel SI cominciano a schedarti e ad inserirti nei propri sistemi.
A tua insaputa.
Si, perché la consapevolezza di quel che stai facendo non è contemplata agli inizi.
Quando sei in procinto di battezzarti viene consegnato il libro ORGANIZZATI ma il funzionamento di tutto l'apparato viene spiegato a grandi linee e senza entrare nei DETTAGLI di quelle che possono essere le conseguenze di una vita da Tdg.

Questioni sanitarie, ovvero rifiuto del sangue, disassociazione etc etc non vengono prese realmente in considerazione, bisogna dipingere un mondo teocratico perfetto all'interessato, un mondo nel quale non ci saranno mai problemi di alcun tipo.

Quindi per un Neo testimone di Geova, i dubbi su eventuali scelte future che uno potrebbe prendere non in armonia coi loro principi non vengono affrontati alle radici, quando una persona potrebbe ancora decidere se unirsi o meno a questa comunità dato che poi le conseguenze per chi si allontana rasentano la catastrofe sociale.

In effetti, ad essere sinceri, il primo periodo da testimone di Geova è quasi sempre entusiasmante, non subisci pressioni, non hai il fiato sul collo degli anziani, per farla breve, proprio per non demoralizzarti da subito ti lasciano in pace.

Cosa manca però?
Mancano le informazioni chiave, quelle informazioni e quei documenti su cui potresti riflettere nel corso della tua vita da testimone di Geova se proseguire o meno.

Non tutti i testimoni di Geova sono a conoscenza dell'esistenza di uno STATUTO.

Come tutte le associazioni, i testimoni di Geova hanno uno Statuto da dover depositare.
Nello STATUTO vien detto ad esempio che dopo 6 mesi in cui non consegni rapporto di servizio sei considerato INATTIVO e quindi non più formalmente un Testimone di Geova.
Qui ovviamente si naviga nel limbo delle interpretazioni perché per qualche testimone di Geova potresti essere considerato comunque un testimone di Geova e soggetto alle loro sanzioni.

Facciamoci una domanda.
Quante persone a un certo punto della propria vita da testimone di Geova hanno sentito il bisogno di cambiare vita e allontanarsi da questa organizzazione?
Tante.
Molte di queste persone se fossero state a conoscenza dello STATUTO si sarebbero organizzate per non farsi vedere in sala qualche mese, avrebbero smesso di consegnare il rapporto di servizio e avrebbero riacquistato la libertà senza dover passare da DISASSOCIAZIONI, COMITATI e OSTRACISMI vari.
Ovviamente non è nell'interesse dell'organizzazione mettere i propri aderenti a conoscenza di queste Scappatoie, altrimenti molti potrebbero fuggire a gambe levate.
Conviene molto più tenerli sempre soggetti a PAURE, RITORSIONI, COMITATI, GIUDIZI, PERDITA DELLA DIGNITÀ.

Anche qui va fatta una doverosa precisazione: non tutti gli Inattivi sono disciplinabili.
È disciplinabile chi riconosce ancora nei suddetti Anziani un ruolo pastorale e quindi pur non frequentando più e facendosi una vita propria si rende succube della pressione psicologica che esercitano.
Se un inattivo informa il Corpo Anziani che intraprenderà azioni legali contro lo stesso in caso di intromissioni nella vita privata, questi si eclisseranno in un attimo.
Quindi, sia per chi rimane che per chi decide di uscire l'unica salvezza è incutere negli anziani il timore di ricevere una denuncia penale o di rendere noto ai mass media quel che accade nelle congregazioni o nello specifico a quello che si sta subendo come persona.

La DISASSOCIAZIONE è una grave violazione della privacy in quanto rende noto agli altri un tuo dato sensibile.
Non potendo disassociarti ti ostracizzeranno comunque ma almeno non potranno usare il tuo nome per farti perdere di credibilità di fronte ad un uditorio.
Parliamoci chiaro, la situazione per chi rimane non è molto più serena, la stragrande maggioranza dei testimoni di Geova attuali rimane dentro solo per la pressione PSICOLOGICA che ti vien fatta quotidianamente.
Eppure, negli anni che uno trascorre da testimone di Geova tutto questo passa inosservato.
Come raccolgono i tuoi dati?

Tramite la cartolina di servizio, che rimane a loro anche se decidi di andartene o ti disassociano.
Sulla cartolina di servizio oltre ai tuoi "numeri" sulla predicazione ci sono pure i dati anagrafici, nome, cognome, indirizzo, data del battesimo, se ti sei sposato o sposata, eventuale data del matrimonio, se hai avuto incarichi o nomine nell'organizzazione. L'organizzazione dice di dover tenere questi dati per fini statistici ed è una menzogna.
Per fini statistici a me organizzazione basta sapere che nel periodo di tempo X ho avuto numero di persone Z che hanno contribuito per ore Y a divulgare il mio credo.
Non mi serve conoscere i dati personali SENSIBILI delle persone che rientrano in questa statistica.
Perché lo fanno?
Domanda retorica.
Ovviamente io so perché Tengono i Dati Conservati ma per sentire la versione dei testimoni di Geova ho chiesto ad un Anziano che ingenuamente mi ha dato la risposta che avrei voluto sentire, per aver Prove della loro colpevolezza:

I DATI, LE CARTOLINE, LE DIRETTIVE ANTICIPATE VENGONO CONSERVATE PERCHÉ SE UN GIORNO IN FUTURO UN TDG NON DOVESSE ESSERE PIÙ UN TDG O NON DOVESSE ESSERE PIÙ UN ANZIANO PER QUALUNQUE MOTIVO, L'ORGANIZZAZIONE DEVE SAPERE CHI SEI E COSA SEI STATO È PERCHÉ TI SEI ALLONTANATO DAI TDG. SE UNA PERSONA SI ALLONTANA DAI TDG IN QUANTO APOSTATA O HA FATTO LE PULCI ALL'ORGANIZZAZIONE SU QUALCOSA, L'ORGANIZZAZIONE DEVE POTERSI PROTEGGERE IN FUTURO DA CHI IN PASSATO HA CERCATO DI METTERLE I BASTONI FRA LE RUOTE.

Dove conservano i dati?
Questo anziano ingenuo mi ha confermato due fatti.
La Betel avrebbe dato ordine di distruggere tutta la documentazione cartacea onde evitare problemi legali, e tempo addietro il DPO della Betel, un fratello del reparto legale mi disse una frase che recitava pressapoco così:

NOI NON POSSIAMO FAR SAPERE AI FRATELLI CHE NE FANNO RICHIESTA COSA ABBIAMO CONSERVATO DI LORO,   I DATI SENSIBILI, ALTRIMENTI POTRESTE DENUNCIARCI

Quindi sappiamo che prima di questa Disposizione i dati venivano conservati in cartaceo negli archivi riservati delle Sale de regno.
Il capitolo 22 del Ks19, il PASCETE IL GREGGE spiega agli anziani, nel dettaglio, cosa conservare, come conservarlo e dove conservarlo.
Si fa menzione degli archivi riservati e se non son sicuri van bene pure le Case degli anziani.

Dove sono conservati i dati ora, dato che tutto il cartaceo probabilmente è stato eliminato?

Sul server privato di JW. ORG, raggiungibile solo dagli Anziani e ai servitori di ministero, inaccessibile a tutti gli altri, accesso che viene revocato appena una persona non è più nominata.
Ovviamente l'accesso degli Anziani consente una visione completa di quello che viene salvato o conservato sui server, mentre ai servitori l'accesso è limitato nei contenuti.
Conservare la documentazione in digitale, in server messi chissà dove ha il vantaggio di poter usufruire di legislazioni più libere in fatto di privacy rispetto ai paesi europei che di recente hanno introdotto norme più severe per tutelare la privacy dei cittadini.

Perché il cartaceo è stato probabilmente eliminato del tutto?

Ovviamente tenere queste PROVE DELLA VIOLAZIONE SISTEMATICA DELLA PRIVACY a portata di mano della magistratura potrebbe costituire un grosso problema alla Betel e agli anziani coinvolti.
È molto più difficile per la magistratura andare a controllare i dati conservati in Server posizionati chissà dove sulla terra, soprattutto se inseriti in contesti giuridici diversi da quelli europei dove le leggi a tutela della privacy possono essere Nulle o molto più blande.

In pratica la WATCHTOWER fa quello che molte persone benestanti fanno col proprio denaro, spostando i conti nei paradisi fiscali dove è più difficile per il Fisco andare a controllare, qui nello specifico i "conti" della Watchtower sono i DATI PERSONALI delle persone.

Al momento del battesimo l'organizzazione si presenta come una baracca folcloristica dove basta gridare un SI per "firmare" il vincolo coi Tdg, contrariamente quando ci si impunta per vedere tutelati i propri diritti l'organizzazione diventa una perfetta e dispersiva macchina burocratica.
Non basta chiedere a voce agli anziani, che fino a qualche tempo prima erano amici, di poter visionare ciò che conservano.
Ti obbligano a mandare una doppia raccomandata con ricevuta di ritorno per esporre la richiesta alla filiale.
Doppia raccomandata perché per conoscenza va mandata pure alla ex Congregazione di appartenenza.
In genere la Filiale evade la richiesta l'ultimo giorno disponibile prima che scadano i termini di legge per rispondere che son quantificati in 1 mese dal giorno in cui la raccomandata è stata spedita, fa fede il timbro postale.
La richiesta che vien fatta non viene esaudita.

La normativa europea del GDPR entrata in vigore nel maggio 2018 prevede la possibilità di far cancellare i propri dati sensibili se non si vuole che un ente X li conservi senza il tuo consenso.
La betel e gli anziani non dicono ciò che conservano delle persone e non cancellano i dati che hanno conservato degli ex testimoni di Geova, o degli inattivi che abbiano fatto richiesta di poter visionare e cancellare quei dati dai loro server.
Peggio ancora, una delle motivazioni che danno, nel non poter far visionare quei documenti è la seguente :

SOLO GLI ANZIANI POSSONO VEDERE CIÒ CHE È STATO CONSERVATO IN FORMA SCRITTA DEGLI ALTRI FRATELLI. AGLI ALTRI NON DEVE INTERESSARE.
NEANCHE AI DIRETTI INTERESSATI.

Cosa risponde la Betel, fisicamente, alla richiesta?
Ripetiamo, che ripetere le informazioni aiuta a capire meglio.

UNA RACCOMANDATA CON SCRITTO IL TUO NOME, COGNOME, DATA DI BATTESIMO, SE SEI SPOSATO O SPOSATA E I DATI NUMERICI DEGLI ULTIMI ANNI DI PREDICAZIONE.

Quindi la logica malata dell'organizzazione dei Testimoni di Geova è quella di carpire con l'inganno i dati personali delle persone, in barba alla privacy.
Non contenti di questo non permettono agli interessati di conoscere cosa viene conservato di loro senza consenso e non cancellano più i tuoi dati, chissà in quale posto li conservano e ti rendono schiavo a vita di ogni loro possibile ritorsione.

Tutto questo sa di vergognosa presa in giro, non trovate?

Alla domanda specifica COSA CONSERVATE DI ME NEGLI ARCHIVI?, rivolta agli ANZIANI, la risposta è: NON POSSIAMO DIRTELO, NON TI RIGUARDA.

Abbiamo visto come in questo modo conservando i tuoi dati si tutelano da fastidiosi impiccioni ed eventuali seccature legali, infatti pur essendo note le Stravaganze Organizzative dei Tdg, la magistratura ancora non procede a spada tratta contro l'organizzazione perché riescono ancora a nascondersi dietro al paravento delle tutele concesse alle comunità religiose.

Torniamo per un attimo all'inizio di questo articolo e facciamoci alcune domande.

Cosa cambierebbe nel corso della vita di un Tdg se sin dall'inizio fosse messo tutto nero su bianco?
Ci sarebbero molti più documenti da impugnare in caso di controversie?
Ci sarebbero più controllo e più informazione?

Tutte le affermazioni fatte dai componenti dell'organizzazione dei Tdg, che ho riportato in questo articolo non sono frutto della mia fantasia,
sono tutte registrate e conservate per poter dar modo alla magistratura di indagare.

SPERIAMO CHE CI SIA UN'AUTORITA'
CHE LEGGA QUESTO ARTICOLO
E PROVVEDA A FARE LE DOVUTE INDAGINI

NOI DI QUO VADIS NON CI FERMEREMO QUI

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a quovadis.aps@gmail.com

SOSTIENI QUO VADIS a.p.s.
Grazie!
SOSTIENI QUOVADIS
Torna ai contenuti