Infanzia distrutta - Quo Vadis aps

Vai ai contenuti
16.04.2019
Francesco e Rebecca, fratelli divisi dai genitori Testimoni di Geova: “Per noi botte e abusi”

Francesco e la Rebecca, due fratelli romani, sono “nati” testimoni di Geova. Per i genitori, seguaci di questo culto, era naturale che anche i figli seguissero le loro convinzioni spirituali. Il risultato è stata una convivenza da incubo, a suon di botte e privazioni, dai giochi ai compleanni. I due fratelli sono andati via di casa ma ricordano ancora le sofferenze patite da piccoli. “Mia madre è una fanatica – racconta Francesco a Fanpage.it – ci ha fatto vivere un infanzia infernale”.
CRONACA ITALIANA 14 APRILE 2019  16:42 di Mirko Bellis

“Io e mia sorella siamo ʻnatiʼ testimoni di Geova. I nostri genitori sono entrambi dei seguaci e il loro fanatismo religioso ha reso la nostra infanzia un inferno”. A raccontare per la prima volta la sua storia è Francesco, 34 anni di Roma. “Ne sono uscito solo dopo essere andato via di casa”. Rebecca, la sorella ventenne, è riuscita a lasciarsi alle spalle la complicata convivenza con i genitori e il loro culto soltanto due anni fa grazie anche all'intervento della polizia. Adesso i due fratelli, dopo molti anni di separazione, vivono assieme.

Il padre è un ex maresciallo dell’esercito, la madre casalinga. Se il primo diventa testimone di Geova una volta andato in pensione, la donna è da sempre un'adepta. Per i genitori era scontato quindi che anche i figli seguissero le loro stesse convinzioni spirituali. Ma Francesco ha solo 7 anni quando capisce che il culto a Geova non fa per lui. “Fin da bambino mi sono reso conto che mia madre era una fanatica – racconta a Fanpage.it – stava tutto il giorno a parlare del suo Dio. E con il tempo è diventata anche peggio, era ossessionata dalle sue credenze religiose”. “Non potevamo festeggiare i compleanni né il Natale perché era proibito. Per i miei compagni di scuola ero un fantasma – ricorda – gli unici rapporti consentiti dovevano essere con i figli di altri testimoni di Geova”.

Francesco e Rebecca, fratelli divisi dai genitori Testimoni di Geova: "Per noi solo botte e abusi"
178236406Pubblicato da Alessio Viscardi
00:18 / 07:33
“Avevo 13 anni quando per la prima volta mia madre mi ha concesso di partecipare ad una festa. Mi ricordo ancora quel giorno perché non è stato come me lo ero immaginato. C’erano solo bambini della congregazione e, invece di divertirci e giocare, i genitori ci hanno parlato per tre ore di Geova”. E’ stato in quel momento che Francesco, sebbene fosse appena adolescente, dice alla madre che non vuole più seguire il suo stesso culto. “Quando alla festa ho detto che non mi interessava Geova hanno cominciato tutti a guardarmi come se avessi detto una bestemmia, un’oscenità. E una volta a casa, mia madre ha pensato bene di picchiarmi forte. E non è successo solo quella volta: se mi rifiutavo di andare alle adunanze, erano botte”.

“Mi sentivo recluso dentro una realtà che non mi apparteneva – continua – un mondo che rifiutavo”. In famiglia, le letture delle pubblicazioni dedicate a Geova sono costanti e Francesco è esasperato. Ormai è un ragazzo e decide di scappare di casa. “Mia madre però ha sempre fatto credere agli assistenti sociali che avessi dei problemi, così le mie fughe finivano inevitabilmente con il ritorno in famiglia”, dice adesso con amarezza. Anche le amicizie al di fuori della congregazione sono bandite. “Una volta ho portato a casa un’amichetta che non era testimone di Geova. Mia madre ha cominciato a farle un interrogatorio assurdo chiedendole se fosse vergine e altre cose piuttosto intime. Come risultato, questa ragazzina è andata via inorridita e non l’ho più rivista”.

Francesco studia ma capisce che, per allontanarsi dai genitori e dal loro credo religioso, deve lasciare anche la scuola e trovarsi un'occupazione che gli permetta di vivere da solo. “Ho abbandonato al quarto anno delle superiori per andare a lavorare. Era l’unico modo per smettere di vivere con i miei”. Con l’indipendenza economica, Francesco riesce a troncare la difficile convivenza con la madre; Rebecca, invece, rimane ancora a casa ed è costretta a seguire il culto a Geova. “Per lei è stato ancora più complicato – sottolinea Francesco – perché era solo una bambina quando me ne sono andato. Per i miei genitori non esistevo più e mi hanno persino proibito di vedere Rebecca. E così è stato: per molto tempo non ho più saputo nulla di mia sorella. Appena è diventata maggiorenne, però, è venuta a cercarmi e mi ha raccontato le sofferenze che ha dovuto patire. Un incubo che potevo solo immaginare ma che in cuor mio speravo evitasse. Se non pregava, mia madre la puniva rinchiudendola in camera. Voleva andare all'università, ma gliel'hanno impedito dicendole che gli studi le avrebbero tolto troppo tempo alla predicazione”.

Quando i genitori scoprono che Francesco e Rebecca si frequentano, decidono di impedirlo in ogni modo. “La tenevano segregata in casa, finché un giorno ho chiamato la polizia per farmi aprire. Mia madre, di fronte alla presenza degli agenti, è stata costretta a far uscire Rebecca. Solo in questo modo sono riuscito a portarla via con me”. Da allora, i rapporti tra genitori e figli si interrompono completamente. “Noi siamo morti per loro”, ammette il 34enne. “Suonano alle porte delle case predicando amore e fratellanza – ci tiene a sottolineare – però mi piacerebbe chiedere a mia madre dov'è l’amore per i suoi figli”. Non è stato facile per i due fratelli superare la loro difficile infanzia. Ancora oggi, soprattutto Rebecca, porta con sé gli effetti della ferrea educazione religiosa che le è stata imposta. “Credo che i testimoni di Geova siano bravissimi a distruggere le famiglie – conclude Francesco – con la mia ci sono riusciti benissimo”.



Torna ai contenuti