Dissonanza Cognitiva e testimoni di Geova. - Quo Vadis aps

Vai ai contenuti
6 giugno 2019

 
Dissonanza cognitiva e Testimoni di Geova

 
Nel suo rivoluzionario libro del 1956, When Prophecy Fails, Leon Festinger rapisce il lettore già dal suo primo paragrafo:
 
Un uomo con una convinzione è un uomo difficile da cambiare.  
Digli che non sei d’accordo e lui si allontanerà.
Mostragli fatti o prove e lui metterà in discussione le tue fonti.        
Fai appello alla logica e non riuscirà ad afferrare il punto.
 
Questa descrizione di un “uomo con una convinzione” potrebbe facilmente essere applicata a molti Testimoni di Geova “apocalittici”.                                                                                              
Dato che le intuizioni di Festinger sulla dissonanza cognitiva sembrano descrivere i TdG, presenterò la mia recensione in questo modo:
 
Supponiamo che ad un TdG vengano presentate prove innegabili del fatto che le sue convinzioni siano sbagliate.
Cosa accadrà?                                                                                                   
Ne uscirà non solo imperturbato ma ancora più convinto rispetto a prima della veracità delle sue convinzioni.        
In realtà, il TdG potrebbe mostrare un rinnovato zelo nel cercare di convincere e convertire altre persone alla sua opinione.
 
Come e perché scaturisce una risposta del genere a prove che contraddicono le nostre credenze?            
Festinger spiega nel suo libro che non è la ragione che di solito guida il nostro processo decisionale.           
Invece, ci aggrappiamo alle nostre convinzioni e adattiamo i fatti per soddisfare le loro esigenze.
 
Festinger descrive anche cinque condizioni che devono esistere in seguito alla falsificazione di una credenza.

Queste condizioni sono (con le mie annotazioni):
 
1) La credenza deve essere stata mantenuta con profonda convinzione ed essere rilevante nel modello
   comportamentale del credente
 
2) La persona che detiene la convinzione deve essersi impegnata e aver intrapreso alcune azioni
   importanti difficili da revocare (come, ad esempio, ostracizzare un figlio per ottenere il favore divino)
 
3) La convinzione deve essere sufficientemente specifica e legata ad eventi del mondo reale
   (ad esempio, Armageddon arriverà nel 1914, 1925, 1975 o è “dietro l’angolo”)
 
4) L’innegabile evidenza che <l’Armageddon non è accaduto> deve essere riconosciuta dal TdG                              
   chi sostiene quella credenza
 
5) Il TdG deve avere un supporto sociale, in quanto è improbabile che un credente TdG isolato possa
   resistere a questo tipo di prove che dimostrano l’erroneità delle sue credenze.                                             
 

Quando un TdG è devoto ad una credenza e ad una linea d’azione, la chiara prova della falsità delle sue
credenze può semplicemente portarlo ad una maggiore convinzione e ad aumentare il suo fervore nel proselitismo
cercare di ragionare con i Testimoni di Geova non fa altro che rafforzare le loro convinzioni.               
Tuttavia, nello stesso momento, si verifica in loro un certo grado di dissonanza.
 
Ma come si può spiegare il crescente desiderio del TdG di convincere e discutere con gli altri della loro verità
dopo il fallimento di una previsione?
                                                                                        
 
Ecco come Festinger spiega questa necessità:
 
Dissonanza e consonanza sono relazioni tra opinioni, credenze, conoscenze dell’ambiente e delle proprie azioni e sentimenti.                        
In altre parole, due opinioni o convinzioni diverse sono dissonanti o incoerenti.
 
Un tentativo di ridurre la dissonanza prenderà una o più forme:
 
1) La persona può provare a cambiare una o più delle sue credenze.
 
2) Acquisire nuove informazioni o convinzioni che aumenteranno la consonanza esistente per ridurre la dissonanza.
 
3) Dimenticare o ridurre l’importanza di quelle cognizioni che sono in una relazione dissonante.                                                                                 
E se qualcuno di questi tentativi ha successo, deve incontrare il sostegno dell’ambiente fisico o sociale (come, ad esempio, frequentare solo TdG nella Sala del Regno, nelle assemblee e nei momenti di svago).
 
La dissonanza sarebbe stata eliminata se il TdG avesse scartato la convinzione risultata falsa (e smesso di frequentare adunanze e fare proselitismo).
 
Ma più frequentemente, l’impegno comportamentale nei confronti del sistema di credenze è così forte che è preferibile quasi ogni altra linea d’azione.                                                                                            
È meno doloroso tollerare la dissonanza che non abbandonare la convinzione e ammettere che ci si è sbagliati.                                                           
Sì, i TdG si rendono ciechi al fatto che le loro aspettative non sono state soddisfatte o che una convinzione
di base è stata dimostrata come palesemente sbagliata.
 
La razionalizzazione può ridurre in qualche modo la dissonanza.
Tuttavia, affinché la razionalizzazione sia pienamente efficace, è necessario il supporto degli altri per rendere la spiegazione o la revisione corretta.                                                                                               
E, naturalmente, c’è un modo in cui la restante dissonanza può essere ridotta.                                                                                                    
Se sempre più persone possono essere persuase che il sistema di credenze dei TdG è corretto allora,
chiaramente, dopo tutto, è corretto (e deve essere la verità).
 
Il mio obiettivo principale era quello di condividere la teoria della dissonanza cognitiva di Festinger in relazione
alla realtà dell’esperienza dei Testimoni di Geova.                                                                  
Ma vorrei anche aggiungere una prospettiva più aggiornata              
– la descrizione di Saul McLeod sulla dissonanza cognitiva – come riportato nel suo blog del 2006:
 
La dissonanza cognitiva coinvolge atteggiamenti, convinzioni o comportamenti conflittuali.                                                                           
Questo produce una sensazione di disagio che porta ad un’alterazione di uno degli atteggiamenti,
delle credenze o dei comportamenti per ridurre il disagio e ristabilire l’equilibrio.                           
Ad esempio, quando le persone fumano (comportamento) e sanno che il fumo provoca il cancro (cognizione)
[oppure ostracizzano gli ex-TdG (comportamento) e sanno che è un ricatto emotivo e spesso porta al suicidio (cognizione)] .
 
McLeod riferisce che la teoria della dissonanza cognitiva di Festinger suggerisce che abbiamo una spinta
interiore a mantenere tutti i nostri atteggiamenti e convinzioni in armonia ed evitare la disarmonia (o dissonanza).
 
Gli atteggiamenti possono cambiare a causa di fattori all’interno della persona.                                                                                             
Un fattore importante qui è il principio della coerenza cognitiva, il fulcro della teoria della dissonanza cognitiva di Festinger.                                                  
Questa teoria parte dall’idea che cerchiamo la coerenza nelle nostre convinzioni e atteggiamenti in ogni
situazione in cui due cognizioni sono incoerenti e che un potente motivo per mantenere la coerenza cognitiva
può dar luogo a comportamenti irrazionali e talvolta disadattivi.
 
Secondo Festinger, abbiamo molte cognizioni sul mondo e su noi stessi; quando si scontrano, viene evocata una discrepanza, risultante in uno stato di tensione noto come dissonanza cognitiva.
 
Poiché l’esperienza della dissonanza è sgradevole, siamo motivati ​​a ridurla o eliminarla e raggiungere
consonanze o accordi.
 
La dissonanza cognitiva fu studiata per la prima volta da Leon Festinger, derivante da uno studio di osservazione attiva di un culto (apocalittico), che credeva che la terra sarebbe stata distrutta da un’inondazione, e che cosa accadde ai suoi membri, in particolare quelli veramente impegnati che avevano venduto le loro case e lasciato
i posti di lavoro per lavorare per la setta, quando tale alluvione non arrivò.
 
Mentre i membri marginali erano più inclini a riconoscere di aver preso in giro se stessi e di “far tesoro di questa esperienza”, i membri più impegnati avevano maggiori probabilità di reinterpretare le prove per dimostrare che avevano comunque ragione, poiché la terra non era stata distrutta grazie alla fedeltà dei membri del culto.
 
Quindi, se non sei un Testimone di Geova – o se sei un ex-TdG – tieni in considerazione queste informazioni se pensi di poter effettivamente cambiare le convinzioni di un TdG attivo semplicemente presentando fatti e cifre.                                                        
Anche se il TdG è un membro della tua famiglia o un amico intimo, hai poca o nessuna possibilità di cambiare la convinzione di un TdG se lui o lei sta attivamente facendo proselitismo, partecipando regolarmente alle adunanze
e limitando i suoi contatti sociali ai compagni di fede.
 
La tua logica confutazione delle bizzarre convinzioni dei Testimoni di Geova usando fatti e cifre probabilmente rafforzerà (secondo Festinger) la loro fede nelle dottrine, le loro fobie e le loro paure e servirà solo a farli obbedire ancor di più alle politiche imposte dalla Watchtower.
 
Commenti di alcuni utenti che fanno capire cosa sia possibile fare a volte.
 
Un utente di nome “Andrew” dice:
 
C’è molto che possiamo fare per aiutare, ma la chiave è che ci vorrà del tempo.
E devi aspettare il momento migliore per intervenire.
Nel caso di mia moglie, ho dovuto aspettare più di 20 anni il momento giusto per aiutarla ad aprire gli occhi.
Ho dovuto aspettare fino al momento giusto.
Nel suo caso, il momento giusto per intervenire è stato quando il locale Corpo di Anziani ha psicologicamente, emotivamente e verbalmente abusato della nostra famiglia.
Mi sono reso conto che questo era il momento giusto per agire, perché era scioccata e sconvolta dal loro comportamento.
Le dissi che anch’io ero inorridito per il loro comportamento non cristiano e che mi chiedevo se un’organizzazione guidata da Dio stesso potesse permettere a uomini come loro di detenere posizioni di autorità.
 
Le ho chiesto se fosse interessata al modo in cui è nata l’attuale disposizione degli Anziani per poi
a farle avere una copia di “Crisi di coscienza” di Ray Franz.
Non l’ha aperto per diverse settimane e non ho insistito sul problema.
Pensava che gli Anziani sarebbero venuti e si sarebbero scusati per il loro comportamento non cristiano,
e che tutto sarebbe tornato alla normalità.
Con sua grande sorpresa, gli Anziani non solo non si scusarono, ma dissero a molti nella congregazione
di non associarsi con la nostra famiglia perché stavamo “causando divisioni” nella congregazione.
Questo la faceva così infuriare che iniziò a leggere il libro. Poi le ho preso una copia del seguente libro
di Ray Franz, “In cerca della libertà cristiana” e ha divorato entrambi nel giro di un mese.
La sua strada verso la libertà era spalancata. Ho quindi inserito il sito Web jwfacts.com sul suo laptop
e il processo ha accelerato.
L’informazione è così liberamente disponibile e di facile accesso, che si è liberata dall’organizzazione in pochi mesi. Non che il processo sia stato facile.
C’era molto senso di colpa, domande e riflessione.
È stata una Testimone attiva per 40 anni e l’indottrinamento dei Testimoni è molto profondo.
 
La chiave era che ha deciso di fare le indagini da sola.
Non ho insistito che lei lo facesse.
Ho presentato il materiale a lei al momento giusto.
Ha sperimentato maltrattamenti da parte di uomini di cui si era precedentemente fidata, ed è stata la loro
cattiva condotta a farla pensare.
Quello era il momento giusto per darle gli strumenti di cui aveva bisogno per vedere la verità da sola.
Quei venti anni di pazienza hanno pagato.
Ha fatto tutte le ricerche perché voleva farlo.
Non l’ho forzato su di lei.
E le ho dato accesso al materiale proprio quando era più probabile che lo considerasse onestamente e obiettivamente.
 
Se vuoi aiutare un Testimone a liberarsi, devi spesso aspettare il momento giusto per agire.
Potrebbe essere necessario attendere molto più tempo di quanto desideri.
E la chiave è che devono prendere la decisione di fare ricerche DA SOLI.
Fornisci il materiale e vai via. Raramente lo prenderanno in considerazione se si sentiranno sotto pressione nel farlo. Considerando quanto i Testimoni devono studiare per entrare nell’organizzazione, spesso è lo stesso livello di determinazione che li aiuta a trovare la via d’uscita. Una volta che sono determinati a trovare la verità,
nulla si potrò mettere sulla loro strada.
Fai un passo indietro e il loro desiderio per la verità prenderà il sopravvento.
 
È straziante vedere i Testimoni soffrire di dissonanza cognitiva e lavorare invano per un’organizzazione umana.
E’ ancora più straziante quando ciò accade a qualcuno a cui tieni profondamente.
Ma aspettare e riconoscere il momento giusto per intervenire è cruciale.
Se cerchi di forzarlo su di loro, come sottolinea l’articolo, potresti peggiorare la situazione.
 
Non ci sono risposte semplici.
Ricorda che non puoi cambiare le loro idee.
Devono farlo da soli.
E quando raggiungono la libertà che desideri disperatamente per loro, è il sentimento più grande del mondo,
sia per te che per loro!
 
L’utente continua:
 
Sono contento di averti dato qualche speranza.
Saprai il momento giusto per intervenire.
Ma potrebbe provenire da una fonte inaspettata.
Sii pronto, ma non con un “te l’avevo detto”.
Sii pronto con amore, interesse e apertura mentale.
Quando mia moglie ha iniziato a mettere in discussione le cose, mi ha chiesto se avrei appoggiato la sua
decisione se avesse deciso di rimanere Testimone.
Ho detto di sì.
Tu decidi della tua vita e io sosterrò la tua decisione.
Questo le ha permesso di indagare senza alcuna costrizione da parte mia.
L’ha aiutata a perdere la paura di indagare.
 
Quando alla fine decise di andarsene, mi disse che non avrebbe indagato con l’intensità che aveva avuto
se avessi cercato di guidarla e orchestrare la sua ricerca.
Si sarebbe fermata e sarebbe tornata indietro, pensando che stavo cercando di ingannarla.
Solo quando ha visto di avere la libertà di perseguire e indagare da sola, senza alcuna influenza esterna,
è stata in grado di vedere le cose chiaramente.
È un vecchio detto che non si può ragionare con qualcuno su qualcosa a cui non si è pensato.
La maggior parte delle persone diventa Testimoni dopo un lungo periodo di studio.
Non è stata una decisione emotiva. Lo stesso desiderio di conoscere la verità sarà il desiderio che
li porterà al punto di investigare. Sono gli stessi all’interno prima e dopo.
L’istinto di conoscere la verità è ancora lì nella stragrande maggioranza dei Testimoni.
Potrebbe essere dormiente, ma è ancora lì.
Tutto ciò di cui ha bisogno è un catalizzatore.
Questo è probabilmente il motivo per cui un gran numero di ex Testimoni sono così arrabbiati con l’organizzazione. Sono stati ingannati e si sono sempre vantati di essere pensatori critici. Nella mia congregazione locale,
la stragrande maggioranza ha un disaccordo con almeno un importante insegnamento o politica della Watchtower. Ma nessuno vuole ammettere che sono stati ingannati.
E amano (giustamente) le relazioni familiari che sanno sarebbero perse se parlassero.
Evocare il coraggio sufficiente per farlo spesso richiede anni, persino decenni.
Devi avere pazienza.
 
Ironia della sorte, più si tenta di intervenire, meno è probabile che inizieranno le indagini.
La chiave è di coltivare tu stesso apertura mentale e compassione.
Questa è la verità brutale della dissonanza cognitiva.
Più spingi forte, più la persona può seppellirsi nell’organizzazione Watchtower.
Devono trovare la propria via d’uscita da soli, con la gentile guida di te e di altri.
 
Preparare una copia di “Crisi di coscienza” o “In cerca della libertà cristiana”, sia in formato cartaceo che
in formato digitale.
iniziano a leggerli, togliti di mezzo. Il senso di colpa e l’imbarazzo che provano per il “pensiero indipendente”
è più facile da sopportare senza qualcuno che ti osserva alle spalle.
 
Non è facile, e non c’è nessun manuale.
L’amore è la chiave.
Lo è sempre.
Se perdi la pazienza, pensa a come sarebbe avere finalmente il tuo caro libero dalla Watchtower.
Quanto tempo vorresti aspettare?
Una volta che ti rendi conto che aspetteresti tutto il tempo necessario, sarà più facile aspettare il momento giusto. Arriverà.

fonte: JW Analyze Roberto
Torna ai contenuti