CONGRESSI 2019 - Quo Vadis aps

Vai ai contenuti
                                                                                                     16 luglio 2019

CONGRESSI 2019

dalla redazione Quo Vadis a.p.s.
Da alcune settimane si continuano a svolgere in diverse città italiane e nel mondo, i congressi dei Testimoni di Geova, propagandati con più o meno enfasi nei vari Media, attraverso comunicati stampa formulati ad hoc dagli addetti stampa dell'organizzazione.

Alcune Amministrazioni comunali hanno espresso un esplicito apprezzamento per questi congressi, che portano in città un gran numero di fedeli appartenenti all'organizzazione.

Ma sia i Media che le Amministrazioni comunali, dicono poco o nulla dei motivi che muovono tutte queste persone a spostarsi con la propria famiglia e percorrere molti chilomtetri per assistere a questi congressi, sostenedo dei costi notevoli, sia per il percorso che per il sostentamento, il pernottamento e per il contributo che devono evolvere all'organizzazione.

Nessuno spiega esattamente lo stile di vita di questi credenti, nonostante le differenze notevoli con il resto della popolazione, che restano e che pongono seri interrogativi su questa organizzazione.

La stragrande maggioranza di persone nel mondo, ha lo stereotipo del Testimone di Geova quello di persona vestita bene, che si incontra per le strade e che propone con fare gentile ed educato, di farci conoscere meglio la Bibbia o informarci che siamo alla fine di questo mondo condannato da Dio.

Infatti chiederanno a tutti coloro che li ascoltano: “Cosa ne pensa di questo mondo pieno di violenze e di immoralità?
Tutti abbiamo paura per noi e per i nostri figli, ma lo sa?la Bibbia ci rassicura perchè dichiara esplicitamente che questo malvagio e vecchio sistema di cose sta per finire, siamo negli ultimi giorni di questa generazione”.

Ogni Testimone di Geova è modificato mentalmente, a tal punto di essere convinto che da quando si è battezzato nei Testimoni di Geova, il suo compito è quello di salvare vite umane dalla imminente guerra di Geova, che distruggerà i miliardi di persone che non hanno accettato la loro predicazione.

Considerano “falsa religione” tutte le altre religioni, non partecipano a nessun dialogo ecumenico, a nessun tentativo di avvicinamento e di reciproco arricchimento, o più in generale allo scambio interreligioso che vediamo promosso oggi da quasi tutte le religioni.

Come dovremmo quindi vedere veramente
i Testimoni di Geova?

Cosi come ci vengono propagandati da comunicati stampa autogestiti dai loro addetti dall'ufficio centrale?
I Testimoni di Geova sono tutto l'anno identici a quei pochi minuti che vengono fatti vedere ai loro congressi negli stadi, felici sorridendi e ben educati?

Alcuni giorni fa un'Amministrazione comunale di una grande città del sud Italia, ha esaltato i Testimoni di Geova attraverso un video diffuso in rete e fatto girare da ogni testimone, a famigliari e tutti gli coloro che si interessano al loro culto, attraverso un tam tam che ha coinvolto tutti.

La pulizia dell'impianto, l'ordine e la compostezza riscontrate durante il congresso, hanno raccolto una certa ammirazione nell'Amministrazione comunale di diverse città.

Ma che rapporto hanno i Testimoni di Geova con la società in cui vivono tutti i giorni della loro vita, quando finiscono questi eventi?

Come si comportano all'interno della loro comunità?
Sono veramente cosi brave persone come vengono propagandate dai Media e dalle Amministrazioni comunali in quei pochi minuti di propaganda, nei loro congressi?

L' Associazione Quo Vadis a.p.s. vi può fornire i nominativi di migliaia di famiglie divise rovinate da questo culto, che continua a seminare sofferenza e -morte sociale- giorno dopo giorno.
La dettagliata testimonianza di situazioni problematiche generate ogni giorno, che lo nostra Associazione sta raccogliendo, di sicuro vi sbalordirà!

Le migliaia di coloro che vedete cantare in uno stadio o altra struttura dove si radunano, sfogano in quel canto l'urlo della sofferenza che vorrebbero emanare davanti a tutti i presenti, urlo di sofferenza per aver lasciato a casa, il proprio marito, la propria moglie, il proprio figlio, il proprio nonno, il proprio nipotino, perchè non sono Testimoni d Geova, perchè hanno deciso di uscire o  dissentono dal culto emanato dai vertici dell'organizzazione.

Proprio ai congressi del 2019 a tutti presenti inclusi tutti coloro che si ritrovano la famiglia divisa, le verrà ribadito con fermezza che è vietato avere contatti con persone che si sono o sono state allontanate dalle congregazione inclusi i propri famigliari.

Ogni applauso che saranno incitati a fare quando l'oratore enfatizzando dirà di ostracizzare il proprio famigliare, il proprio amico, sarà una vergogna per chi dovrà applaudire per non essere giudicato da chi le sta a fianco.

Applaudirà ma si sentirà falso e ipocrità, pensando che sta isolando il proprio famigliare il proprio amico.

E si chiederà tutte volte, “ma è veramente Dio a volere che io soffra cosi tanto come anche chi non la pensa come me?”
E sentendo che il suo cuore le risponde che Gesù non ha mai ostracizzato nessuno, vorrebbe non trovarsi li in quel congresso, e sentendosi spezzare il cuore, si chiede...MA IN QUALE ORGANIZZAZIONE MI TROVO VERAMENTE?

Come cambia la visione dei Testimoni di Geova
quando li si conosce da vicino, non è  vero?

Ma molti di loro non sanno come liberarsi da questa sofferenza.

Secondo voi sono a conoscenza i Media e le Amministrazioni comunali di questa realta che imprigiona migliaia di persone?

Io so per certo che sia i Media che le Amministrazioni
lo sanno molto bene, e non fanno nulla!

I Media, perchè sono alla continua ricerca solo ed esclusivamente dello scoop, le redazioni scoraggiano i propri reporter a impegolarsi con problemi di questo genere. (Guardate l'esito finale di tutti coloro che negli ultimi anni hanno fatto -inchiestine- di alcune righe sui Testimoni di Geova, confondendo maggiormnete le idee dei lettori)

Le Amministrazioni, perchè non sono a conoscenza concretamente di chi ospitano nei loro stadi, interessate solo all'indotto e tutti i sui extra, migliaia di persone che confluiscono in zona riempiendo hotel ristoranti....e naturalmente vedersi ripulito lo stadio gratuitamente.... ecc.

Forse sia i Media e le Amministrazioni comunali, lo capiranno a breve, quando non saranno più cosi interessanti, visto che i rapporti dicono che sempre più Testimoni di Geova stanno aprendo gli occhi e si stanno dissociando da questa organizzazione e questo abbassa notevolmente le presenze a questi congressi come già sta avvenendo.

A nulla servirà la loro strategia di unificare le congregazioni e unificare i congressi, in modo da far vedere e propagandare che sono in tanti e sono presenti in tutto il mondo.

A nulla servirà inventare nuovi canti e nuovi balli copiati da religioni che lo fanno da anni.

Tutto ciò non fermerà il loro declino.

Guardate cosa sta succedendo, in Russia, in Cina, in Germania, in Svizzera, la gente si sta svegliando e con loro anche i governi.

Se non aumentano è perchè il messaggio è divenuto disinformazione, depistaggio deludente.

Nessuno viene più attratto dal loro culto, e chi è intrappolato nel suo interno, non sa come uscirne senza consequenze.***

La propaganda dei congressi dei Testimoni di Geova presentano un'immagine irreale di migliaia di persone che sorridono ma vorrebbero piangere, che cantano ma vorrebbero urlare.

La tanto osannata VERITA' in cui loro dichiarano di vivere, si sta rivelando per la stragrande maggioranza dei Testimoni di Goeva, particolarmente controproducente, hanno attribuito ad essa un valore molto elevato, e quando una persona stabilisce alti livelli, più si espone al rischio di non riuscire a raggiungerli, in questo modo incrementa e vive sentimenti di delusione che paradossalmente portano ad allontanarsi ancor di più dall’obiettivo.

Testimone di Geova qual'è veramente il tuo obiettivo?

*** SCRIVETE A QUO VADIS a.p.s. e vi aiuteremo a liberarvi.

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a quovadis.aps@gmail.com

SOSTIENI QUO VADIS a.p.s.
Come fare?  Vedi sotto  Grazie!
SOSTIENI QUOVADIS
Torna ai contenuti