CHIUDI GLI OCCHI E IMMAGINA........ - Quo Vadis aps

Vai ai contenuti
  
28 ottobre 2019
CHIUDI GLI OCCHI E IMMAGINA........

Ascolta le note suadenti di un'aria sinfonica che rimbalzano nella tua stanza, note che sbattono contro le pareti e una per una ti rientrano alla massima velocità tra le sinapsi del cervello, immagina queste note prender forma, mentre ancora tu nel silenzio con gli occhi chiusi pensi di volteggiare in aria come un'elegantissima ballerina, immedesimandoti nelle gocce di pioggia che si fan cristallo di neve e allo scoccare della mezzanotte si infrangono a terra come vetri di cristallo.

Immaginati tutto questo accompagnato dalle dolci note di Chopin, continua ad immaginarlo anche dopo la lettura di queste righe.
Immagina questo scenario bucolico leggendario mentre stiri o stendi i panni, mentre addenti una bistecca o semplicemente fissando la pioggia che cade appoggiato ad una finestra che non da su alcun giardino.
Mettiamo un po' di sale nel racconto, mettiamoci pure un po' di pepe, cuciniamo a puntino ciò che stiamo per scoprire, ciò che stiamo per vivere con queste righe.

Si alza il sipario, che tutto abbia inizio...

C'era una volta una Congregazione, e non c'era solo una volta, ma anche più di una Congregazione in città diverse, con tanti nomi e tante facce, dietro ogni faccia una storia, dietro ogni storia una persona fatta di carne e sangue, poca anima a dir la verità, l'anima è qualcosa di troppo impalpabile.
Impalpabili sono i silenzi che regnano nelle salette delle congregazioni, quelle salette degli “anziani” dove tutto si decide, tutto si plasma e tutto si distrugge.
In quella saletta si fermò il sole per un istante quel giorno, si fermò pure tutto il tempo intorno.
Nella vastità del nulla, uomini per nulla fedeli al Creatore, dal nulla stavano plasmando l'ennesima propria creatura per metà umana per metà teocratica.
Come uno di loro prese parola, dalla bocca uscirono serpenti aggrovigliati che stringendosi al collo dello sventurato gli iniettarono nelle vene il siero malefico della falsità, un siero tanto dolciastro quanto amaro.

Bando alle ciance, squillino le trombe e si armino i cavalieri, si brandiscano le spade e si levino leggiadre multicolori forme alate a proteggere l'ascesa.

Pazzia?
Solo pazzia … solo pazzia?  
Ma partiamo nuovamente dal principio...
Realtà e magia si fondono nelle Congregazioni dei testimoni di Geova.
La realtà parla di persone più simili a “politicanti” che a uomini dediti alla religione.
La religione dovrebbe essere simbolo di spiritualità e purezza, nei testimoni di Geova questo non si vede, lo si respira solo nei proclami che settimanalmente vengono da loro osannati.

Come diventare Anziano?
La magia in questo caso rasenta la follia, e torna a terra come fulmini che si abbattono sopra un albero.
Intervento divino dicono, Geova stesso che in qualche modo “onirico” infila la busta col nome del prescelto nelle menti degli anziani... ma funziona realmente così?
Devo andare dritto al sodo che mi sto perdendo tra i grovigli del racconto.
Un anziano non viene scelto da Dio, da alcun Dio.
Fidatevi.
E se qualcuno di voi lo è anziano si metta il cuore in pace.
Nessuna divinità è intervenuta.
Prima di tutto, l'Anziano, così come il servitore di ministero è bravo solo se è “malleabile”.
Cos'è una persona malleabile?
Un fratello che puoi plasmare come tu vuoi, un fratello che gli dici di fare A, e lui farà sempre A senza fare domande, un fratello a cui dici di fare B e farà sempre B senza fare ulteriori domande.
Un involucro, non una persona!
La maggior parte degli “Anziani” e dei “Servitori di Ministero” viene scelta tra uomini di questa specie.
Perchè?
Semplice, semplicissimo.
Una persona con una forte personalità o una sana dose di curiosità nelle vene prima o poi cercherà di farsi delle domande, e trovate poi le risposte, andrà a mettere in difficoltà l'organizzazione.

La magia.
La magia dei testimoni di Geova, perchè di magia si tratta, trasforma questi ragionamenti in “requisiti” teocratici, requisiti presi pari pari dalla Bibbia, dicono... dicono?
Ora, i fratelli “nominati” dovrebbero rappresentare un Gotha spirituale di altissimo livello, l'argenteria delle congregazioni, persone davvero con una forte personalità spirituale, con un grande atteggiamento d'amore verso gli altri... ma è così?
Poche volte, non sempre, anzi quasi mai.
Come ho scritto, i fratelli che vengono raccomandati per questi incarichi son il più delle volte degli esseri senza spina dorsale, totalmente addomesticabili dagli altri anziani, nessuno di loro è portato a mettere in discussione ciò che può esserci di sbagliato.
Lo si accetta, lo si deve accettare.
E' un obbligo è un obbligo perchè mettere in discussione l'operato dei nominati o dell'organizzazione vuol dire scavarsi una fossa sotto i piedi, fossa sotto i piedi che da inizio a  continui tentativi di emarginazione e calunnie continue a cui poi si è sottoposti.
Gli anziani formano dei clan, clan composti da parenti, amici e persone simili a loro.
I fratelli con maggior personalità all'interno di questi clan convogliano i propri sforzi per favorire i “propri” interessi.

I figli degli anziani
Ad esempio i figli maschi degli Anziani sono i primi a diventare servitori di ministero e poi anziani.
Spiritualità trasmessa per discendenza? Quasi...
Avere i propri figli all'interno del corpo dei nominati di qualunque congregazione garantisce potere.
Perdere il potere è il vero problema nei testimoni di Geova, non la fede.
Quale potere vi chiederete voi?
Il potere di comandare sugli altri e di proteggere gli interessi della propria famiglia qualora venissero messi in discussione.
Lo schema è facile.
Anziano con figli maschi: a 18\20 diventano Servitori di Ministero, verso i 27\28 diventano Anziani e garantiscono il proseguimento della specie.
Anziano con qualche figlia femmina?
Beh, l'anziano con le proprie bimbe è comunque prodigo di attenzioni.
E' buona cosa che la bimba in questione sin dalla tenera età mostri particolare discernimento per non mettere in imbarazzo il papà, causandogli la rimozione da anziano.
Se ciò avviene, con la maggiore età, quando un anziano non può più essere rimosso a causa dell'errore di figli, la giovine deve fidanzarsi con un altro pargolo d'Anziano in modo da cementare il potere dei due contrapposti Clan di anziani.
Ancor meglio se i due giovani pargoli, raggiunta l'età per sposarsi si mettano in testa di fare i pionieri regolari, fare gli splendenti davanti alla congregazione e convolare non solo a giuste nozze ma pure a formare una nuova coppia di Nominati, pioniera Lei, Anziano Lui.

Da famiglie dove ci sono anziani, di norma continuano ad esserci solo anziani.
Questo come ho scritto, garantisce il proseguimento della specie, questo garantisce quel potere utile ad andare avanti facendo progresso nell'Organizzazione.

Quindi, ricapitolando, come vengono scelti i nominati?
Tra i parenti stretti dei nominati, tra gli amici stretti dei nominati e tra qualche persona “malleabile” nella congregazione.

Un'altra caratteristica che devono avere i nominati è “l'essere facilmente ricattabili”.
Perchè vi chiederete?
Beh, una persona che ha commesso qualche errore in passato è sempre sulla graticola, gli si può sempre rinfacciare quell'errore.
Una persona ricattabile nel corpo anziani non dirà mai alcun No, una persona facilmente ricattabile non darà mai torto all'organizzazione, starà sempre li a testa china come un cane bastonato a portare avanti l'opera di Geova.

Ubbidienti e ammaestrati
Gli anziani hanno una vita sociale all'interno della congregazione? Certamente!
Il potere che detengono devono poterlo esercitare in ogni ambito della congregazione.
Gli anziani si portano dietro, come foche ammaestrate quelle coppiette il cui marito aspira ardentemente a qualche nomina.
Se un fratello riesce a diventare amico di un anziano, leccando il sedere, facendo ogni qualsiasi cosa gli venga chiesta, è certo che prima o poi lo sforzo verrà ricompensato.
Questi cagnolini ammaestrati pendono dalle labbra dell'anziano potente con una dignità pari a quella di uno straccio.
Li vedi così far comunella in pizzeria o nelle proprie case, li vedi sorridenti, ma sorridenti a 460 denti nelle fotografie messe a mò di trofeo sullo stato Whatsapp, li vedi stringersi in abbracci da telenovelas alle assemblee, li vedi persino in vacanza insieme, li vedi ridere se l'anziano ride, li vedi piangere se l'anziano piange, li vedi ripetere pappagallescamente ciò che l'anziano dice, li vedi vestirsi come l'anziano si veste insomma li vedi che quasi non li riconosci più, sembrano le copie spiccicate della persona che vogliono emulare e da cui desiderano qualche goccia di potere per poi poter diventare a propria volta degli Esempi da seguire.
La lingua che vuole trasformarsi in Culo per attirare altre lingue.
Ci sono anziani più famosi dei divi della canzone in certe regioni.
Pensiamo ad un semplice fatto, quando un anziano fa una parte ad una assemblea come minimo lo vedono 3000 persone!
Nell'arco di qualche anno il “nome” di quella persona è più conosciuto di personalità del mondo del cinema o della canzone.
Basta citare il nome di quell'anziano e sembra di nominare Robert De Niro tant'è la fama raggiunta.
E come piccole formiche, i fratellini in cerca di ambizione si sforzano di apparire il più possibile legati a queste persone.
Vivono di luce riflessa.
Vivono delle briciole di gloria che questi anziani distribuiscono a mani larghe, così come quando Gesù dispensava cibo sul mar di Galilea.
E questi fratellini, come uccellini in cerca di cibo, aprono le fauci per aver la dose giornaliera del vomito “nutriente” che Mamma-Anziano gentilmente rigurgita loro ...

Ho visto ragazzi ahimè balbuzienti e con poca capacità oratoria divenire grandi oratori, portati in spalla dal potente Papà anziano di turno, ragazzi che nel mondo “brutto” e “cattivo” di fuori avrebbero fatto fatica a mantenere un posto come sguattero d'un ristorante fare folgoranti carriere teocratiche.
Ho visto famiglie essere accusate di frodi finanziarie, venire comunque innalzate al di sopra degli altri proprio grazie a queste intime amicizie con gli anziani o familiari degli anziani.
Fratello o sorella, se hai un problema e sei amico di un anziano chiedi aiuto a quell'anziano.
Lui saprà come darti una mano, saprà che consigli darti per non incorrere in discipline, saprà che modi usare per “mettere KO” un'altra famiglia di testimoni di Geova con cui hai avuto problemi.

Magicamente si vedono così le famiglie degli anziani e dei loro intimi amici passare indenni a qualunque tempesta.
Rubi del denaro?
Se sei un anziano o uno della cerchia degli anziani un modo per uscirne lo si trova sempre! Tranquilli!
Se tutto va come deve andare non perdi nemmeno la stima dei tuoi simili, anzi se tutto va per il verso giusto nessuno saprà nulla di quello che è successo.

I potenti
I potenti sanno come si fa, nel mondo di tutti i giorni ma anche in quello dei testimoni di Geova.
Nelle Congregazioni è peggio anche perchè, mentre nel mondo esistono degli organi di controllo, nei testimoni di Geova l'organo di controllo è proprio quell'organo marcio composto dal Corpo Anziani.
Ho visto anziani arrampicarsi sui vetri e inventare le scuse più fantasiose per giustificare comportamenti gravi dei figli e riuscire a toglierla dal fango!

Se un qualunque fratello avesse un figlio d una figlia che fuma?
Come minimo impiccagione pubblica.
Se dovesse capitare alla famiglia di un anziano?
Tutto normale, anzi, tutto sarebbe messo a tacere.
Si son viste cose delle più strane, tipo fornicazioni multiple messe a tacere, rapporti “ambigui” tra coppie di nominati passati con nonchalance in sordina.
Un anziano perde la nomina di anziano solo per un motivo: se ad un certo punto diventa talmente inviso al resto del clan che allora l'unico modo è allontanarlo dalle sedie del potere. Ma l'allontanamento spesso è di breve durata, se una persona si rimette in riga e continua a mettere la testa china sotto il tavolo per non vedere il marcio viene reintegrato dopo un paio d'anni nel corpo anziani come se nulla fosse successo.
Troppo pericoloso lasciar scappar via una persona che può avere raccolto informazioni pericolose se divulgate all'esterno.
Un anziano conosce i segreti non solo della congregazione, non solo i più intimi pettegolezzi ma bensì tutte le circolari e tutta la documentazione segreta che la Watchtower dispensa.
Lasciarsi scappar via un anziano vuol dire mettere in LIBERTA' una persona che potrebbe FAR SCOPPIARE QUALCHE SCAN DALO.

Il potere
il potere, quella cosa che quando te lo trovi in mano non sai più che forma abbia.
Il potere ti costringe alla malvagità.
Più hai potere nei testimoni di Geova più sei ambiguo.
Hai uno Zio sorvegliante, magari anche piuttosto noto in tutta Italia?
Stai certo che la tua famigliola ne avrà da beneficiare.
Incarichi prestigiosi, sempre sul podio alle assemblee, sempre in prima fila quando c'è da raccogliere scrosci di applausi fumanti!
Hai uno Zio sorvegliante?
Stai certo che se l'ambiguità della tua famiglia è più alta dell'everest tutto verrà messo a tacere. C'era una ragazza, una brava ragazza, lo Zio ahimè faceva il viaggiante, qualunque cosa le era permessa.
Le altre avevano flirt con ragazzi del mondo o che studiavano?
Bacchettate sulle nocche, pubblico ludibrio, lacrime e sangue.
La ragazza con lo Zio sorvegliante? Lei no.
La ragazza ad un certo punto dopo il matrimonio ha mostrato i chiari segni di una tendenza ambigua nel rapporto con altre sorelle?
Mmmh, forse si , forse no, ma ha dato da parlare alle genti, ha fatto immaginare cose, le più immonde, le più porche, le più romantiche...
Però, perchè c'è sempre un però, questa ragazza ha avuto il buon gusto di sposare “uno” come lei, un raccomandato, uno che non è diventato anziano per “caso” ma perchè “figlio di anziano”.
Anziano più anziano han partorito un anzianino.
E la donna in questione con cui insomma... beh... le voci, si sa le voci girano, e le voci di popolo, specie se piccanti girano ancora di più...
La ragazza che si teneva mano nella mano con l'altra ragazza...si beh, quella cosa li...ma anche lei era nel giro giusto... marito anziano, lei stessa pioniera... nessuno avrebbe mai avuto da ridire.
Cascasse il mondo se davvero conoscessimo quel che è avvenuto in quella stanza d'hotel, dispersi nel nulla, il giorno prima di un Congresso... ma si sa, le storie, anche le più piccanti, se c'è in ballo qualcuno d'importante finiscono come un'opera sinfonica... prima o poi qualcuno spegne lo stereo e nessun suono esiste più...

Per oggi cala il sipario ma il teatrino dell'assurdo sul mondo dei testimoni di Geova è sempre alla finestra.

Con il prossimo articolo non solo continuerai a immaginare, ma inizierai a vedere.

Buongiorno e Buonanotte...

Da un TDG battezzato che collabora con Quo Vadis a.p.s.

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a quovadis.aps@gmail.com

SOSTIENI QUO VADIS a.p.s.
Grazie!
SOSTIENI QUOVADIS
Torna ai contenuti